Psicologia

I lockdown potrebbero aver influito sulle abilità comunicative dei bambini

Nei bambini nati nella prima metà del 2020, lo sviluppo delle abilità comunicative potrebbe aver risentito dei lunghi periodi di isolamento sociale.

L'isolamento sociale adottato come misura di contrasto alla pandemia nei primi mesi di covid potrebbe aver influito negativamente, anche se non in maniera eclatante, sui tempi di "conquista" delle prime abilità comunicative dei pandemic babies, i bambini venuti alla luce in pieno lockdown. Lo sostiene uno studio osservazionale (cioè che si limita a osservare quello che avviene nella realtà) pubblicato online sulla rivista scientifica Archives of Disease in Childhood.

Parole dietro alle mascherine. Lo sviluppo del linguaggio nei bambini è un processo complesso, che si appoggia in gran parte sull'osservazione degli adulti durante le interazioni tra i bambini e chi si prende cura di loro. I più piccini tendono ad osservare soprattutto gli occhi dei "grandi", mentre crescendo si focalizzano soprattutto sui movimenti della bocca. Ecco perché la necessità di indossare le mascherine e limitare i contatti sociali nei primi mesi di pandemia, prima dell'avvento dei vaccini anti-covid, potrebbe aver ridotto la possibilità di basarsi su questi indizi visivi, rallentando l'apprendimento delle prime parole.

Passaggi di crescita. Un team di psicologi del Royal College of Surgeons di Dublino ha analizzato le valutazioni sulle tappe dello sviluppo riferite dai genitori di 309 bambini nati tra marzo e maggio 2020, formulate quando i piccoli avevano 12 mesi di età. I dati sono stati presi dallo studio CORAL (Impact of CoronaVirus Pandemic on Allergic and Autoimmune Dysregulation in Infants Born During Lockdown) condotto in Irlanda nei mesi dei lockdown più stringenti in Europa.

Le 10 tappe dello sviluppo includevano l'abilità di gattonare, di camminare di lato appoggiandosi ai mobili, di stare in piedi da soli, di afferrare piccoli oggetti tra pollice e indice, di accatastare mattoncini, di nutrirsi con le mani, di conoscere il proprio nome, di saper esprimere almeno una parola definita e di senso, di puntare gli oggetti col dito e di salutare con la mano.

Effetto lockdown. Queste piccole grandi conquiste sono state confrontate con quelle riferite, sempre attorno all'anno di età, dai genitori di altri 1.629 bambini coinvolti nello studio BASELINE (Babies After SCOPE: Evaluating the Longitudinal Impact using Neurological and Nutritional Impact), che riguarda i nati in Irlanda tra 2008 e 2011.

I bambini del primo studio sono risultati un po' in ritardo su alcune tra le abilità elencate, in particolare su quelle relative alla comunicazione e alle abilità sociali. Se da un lato, più bambini dello studio CORAL erano in grado di gattonare al compimento dell'anno di età (97,5% rispetto al 91% del secondo gruppo), erano anche meno capaci di esprimere una parola di senso e ben riconoscibile (77% contro l'89% dello studio BASELINE), meno abili nell'indicare oggetti con un dito (84% contro 93%) e salutare con la mano (88% contro 94,5%).

Nessuno da salutare. Dopo aver tenuto conto di altri fattori che potessero influire su questi momenti della crescita, come l'età del bambino all'epoca del questionario, la presenza o meno di fratelli, l'età gestazionale al momento del parto e l'istruzione materna, le differenze tra i due gruppi erano ancora evidenti.

Gli scienziati hanno immaginato possibili spiegazioni che non sono però state verificate sperimentalmente. La maggiore capacità di gattonare dei pandemic babies potrebbe dipendere dall'aver trascorso più tempo in casa sul pavimento, anziché fuori sul passeggino o in auto. La ridotta quantità di volti senza mascherina vista nei primi mesi di vita potrebbe aver contribuito ad assottigliare il repertorio linguistico (perché si vedevano meno bocche in movimento); la scarsità di oggetti di interesse da indicare potrebbe derivare dalla fase in cui le uscite erano contingentate. Inoltre, se di solito la frequenza di contatti sociali incoraggia i piccoli ad apprendere il saluto, nei mesi di lockdown è... mancato l'allenamento.

Veloce recupero. I bambini sono curiosi e pieni di risorse ed è assai probabile che la ripresa delle normali attività sociali - grazie ai vaccini - possa colmare questo svantaggio. Tuttavia, concludono gli autori dello studio, sarebbe opportuno seguire questa popolazione di bambini fino all'età scolare, per capire quanto duraturo sia l'effetto osservato e intervenire in caso di necessità.

14 ottobre 2022 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us