Psicologia

Gli uomini sono più bravi delle donne a orientarsi (ma l'evoluzione non c'entra)

Il proverbiale senso dell'orientamento degli uomini è un prodotto culturale, che non sembra avere a che fare con le antiche abitudini di caccia.

Se lei propone di chiedere a qualcuno del posto e lui insiste nel voler leggere la mappa un motivo (oltre all'orgoglio maschile ferito) c'è: gli uomini sono in effetti un po' più abili nell'orientarsi rispetto alle donne, ma non per le ragioni che pensiamo. Ad affinare le capacità di navigazione spaziale maschili non è stata la selezione naturale nel corso dell'evoluzione; ma il modo in cui i figli maschi vengono cresciuti.

Un retaggio della caccia? Alcuni studi scientifici hanno in effetti confermato che gli uomini ottengono performance leggermente migliori nell'orientamento spaziale rispetto alle donne. In diversi casi, però, questa dote era stata collegata alla necessità, per i nostri antenati maschi, di spingersi anche molto lontano da casa per cacciare, e di dover poi ritrovare la strada. Questo compito (che per altro potrebbe non essere stato unicamente appannaggio degli uomini) avrebbe esercitato sugli uomini una pressione selettiva per favorire lo sviluppo di migliori capacità di navigazione spaziale.

Geni o ambiente? Justin Rhodes, neuroscienziato cognitivo dell'University of Illinois Urbana-Champaign, ha ragionato sul fatto che se questo "superpotere" avesse origini evolutive, dovrebbe comunque essere trasmesso sulla linea maschile e passare dai padri anche alle figlie femmine - a meno che il vantaggio non risieda sul cromosoma Y. L'unica spiegazione alternativa è che il senso dell'orientamento maschile dipenda invece da fattori culturali. Che sia, insomma, acquisito, così come molte altre capacità.

Specie a confronto. Per testare questa ipotesi, Rhodes ha raccolto dati sulle capacità di navigazione spaziale e sulla distanza tipicamente percorsa rispetto alla tana in 21 diverse specie, inclusi gli umani. Se l'abilità nell'orientarsi fosse "spinta" dalla selezione naturale, allora il più "dotato" dovrebbe essere l'animale, femmina o maschio che sia, che di norma si sposta di più da casa. Invece, in tutte le specie analizzate, i maschi risultano leggermente più abili nell'orientamento spaziale, anche nei casi in cui - come per il gambero di fiume americano Faxonius rusticus o la rana velenosa colombiana Oophaga sylvatica - sia la femmina ad avere il raggio d'azione più ampio. Il lavoro è stato pubblicato sulla rivista Royal Society Open Science.

Corri, bambina. Gli uomini sarebbero quindi più performanti nell'orientamento per motivi culturali - per esempio perché più spesso incoraggiati, da bambini, a giocare all'aperto. Altri fattori biologici, come le influenze ormonali, potrebbero concorrere nell'accentuare questa differenza (per esempio nelle altre specie animali studiate).

In effetti, uno studio che in passato aveva comparato le capacità di navigazione spaziale di uomini e donne di una popolazione indigena cresciuti allo stesso modo, godendo degli stessi incoraggiamenti nell'esplorare, ha trovato che non c'erano differenze nelle loro abilità di orientamento. La capacità di muoversi nello spazio si può dunque esercitare come molte altre doti, si insegna insieme alla parità di genere, e migliora con la pratica.

1 febbraio 2024 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us