Psicologia

Gli scienziati? Se sono brutti gli crediamo

Il bell'aspetto non si addice agli scienziati, secondo un team di psicologi inglesi. Perché i pregiudizi sono duri a morire.

Gli scienziati? Se sono brutti è meglio (per loro): li riteniamo più attendibili e autorevoli. E siamo più propensi a credere alle loro scoperte. Potere degli stereotipi e di un pregiudizio duro a morire, confermato qualche giorno fa dallo studio di un team di ricercatori britannici dell'Università di Cambridge ed Essex, dal titolo inequivocabile: “L’aspetto del volto influenza la comunicazione scientifica”.

Gli autori dello studio hanno mostrato 616 volti di ricercatori universitari a due gruppi di volontari. Al primo gruppo è stato chiesto di valutare l'attrattiva dei ritratti e di dire se apparivano competenti e intelligenti. Al secondo gruppo, è stato invece chiesto se pensavano che la persona nella foto fosse un buon scienziato.

La caratteristica principale per essere considerati bravi scienziati era la competenza percepita, ma la seconda più forte era l'attrattiva, che veniva associata negativamente all'attitudine scientifica: in pratica i più bruttini (secondo chi guardava) erano ritenuti migliori nel loro campo. Un risultato persino sorprendente, visto che generalmente consideriamo le persone attraenti come più brave anche nel loro lavoro.

Pregiudizi. I volontari erano così influenzati dall’aspetto degli scienziati da ritenere più interessanti le novità scientifiche presentate da studiosi meno attraenti, fino a giudicare una ricerca di qualità superiore quando era presentata come realizzata da un ricercatore che aveva l’aspetto, a dir loro, di un “bravo scienziato”.

«I risultati - scrivono i ricercatori inglesi - offrono un approfondimento sulla psicologia sociale della scienza e indicano come esistano pregiudizi nella diffusione dei risultati scientifici a una società più ampia».

[N.d.R.: La decisione di scrivere su questo studio è stata presa senza guardare le foto dei ricercatori che lo hanno compiuto]

2 giugno 2017 Eugenio Spagnuolo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us