Psicologia

Gli scienziati? Se sono brutti gli crediamo

Il bell'aspetto non si addice agli scienziati, secondo un team di psicologi inglesi. Perché i pregiudizi sono duri a morire.

Gli scienziati? Se sono brutti è meglio (per loro): li riteniamo più attendibili e autorevoli. E siamo più propensi a credere alle loro scoperte. Potere degli stereotipi e di un pregiudizio duro a morire, confermato qualche giorno fa dallo studio di un team di ricercatori britannici dell'Università di Cambridge ed Essex, dal titolo inequivocabile: “L’aspetto del volto influenza la comunicazione scientifica”.

Gli autori dello studio hanno mostrato 616 volti di ricercatori universitari a due gruppi di volontari. Al primo gruppo è stato chiesto di valutare l'attrattiva dei ritratti e di dire se apparivano competenti e intelligenti. Al secondo gruppo, è stato invece chiesto se pensavano che la persona nella foto fosse un buon scienziato.

La caratteristica principale per essere considerati bravi scienziati era la competenza percepita, ma la seconda più forte era l'attrattiva, che veniva associata negativamente all'attitudine scientifica: in pratica i più bruttini (secondo chi guardava) erano ritenuti migliori nel loro campo. Un risultato persino sorprendente, visto che generalmente consideriamo le persone attraenti come più brave anche nel loro lavoro.

Pregiudizi. I volontari erano così influenzati dall’aspetto degli scienziati da ritenere più interessanti le novità scientifiche presentate da studiosi meno attraenti, fino a giudicare una ricerca di qualità superiore quando era presentata come realizzata da un ricercatore che aveva l’aspetto, a dir loro, di un “bravo scienziato”.

«I risultati - scrivono i ricercatori inglesi - offrono un approfondimento sulla psicologia sociale della scienza e indicano come esistano pregiudizi nella diffusione dei risultati scientifici a una società più ampia».

[N.d.R.: La decisione di scrivere su questo studio è stata presa senza guardare le foto dei ricercatori che lo hanno compiuto]

2 giugno 2017 Eugenio Spagnuolo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us