La rabbia in aereo? Colpa delle differenze di classe

Se i passeggeri in economy sono costretti a passare tra i sedili della prima classe per raggiungere i propri posti, sono più alte le probabilità di eccessi di nervosismo.

reu_rtr20jw7_web
L'ultima volta non avete viaggiato così comodi? Il vostro nervosismo è pienamente giustificato.|REUTERS/Chip East

A che cosa sono dovute le improvvise sfuriate che ogni tanto funestano i viaggi in aereo? Non (solo) alla paura di volare, né al sempre minore spazio vitale tra un sedile e l'altro, e neppure ai ritardi: questi fattori possono contribuire, ma è nella disuguaglianza tra passeggeri, che bisogna cercare la causa.

 

Dover transitare tra i comodi sedili di prima classe (o della Business Class), e vederne i fortunati occupanti sorseggiare champagne mentre si tenta di raggiungere il proprio angusto sedile, sembra disturbare sia i passeggeri meno abbienti, sia quelli che hanno prenotato un posto più caro: è quanto sostenuto in uno studio appena pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences.

Sul numero 309 di Focus, in edicola fino al 18 luglio 2018 (e per sempre in digitale) trovi un articolo sulla scienza dei voli low cost.

Dati anonimi. I ricercatori della Rotman School of Management dell'Università di Toronto e dell'Harvard Business School hanno analizzato i dati relativi a milioni di voli eseguiti in diversi anni da una grande compagnia aerea internazionale, trovando le prove di un numero di scatti di rabbia incontrollati compreso tra 1500 e 4000.

 

Confronto sgradevole. Il semplice fatto di avere una cabina di prima classe fa salire il numero di questi "incidenti" (pericolosi per la sicurezza in quota) di 4 volte, lo stesso effetto provocato da un ritardo di 9 ore sull'orario del volo. Le spiacevoli conseguenze interessano tutti, anche i passeggeri di prima classe. Quando chi viaggia in economy è costretto a passare tra le poltrone della "first", le probabilità di rabbia raddoppiano nei passeggeri meno fortunati e aumentano di 12 volte in quelli più ricchi.

 

Non è giusto! Altri disagi di cui spesso ci si lamenta in volo, come il poco spazio per le gambe, la durata del viaggio, il consumo d'alcol o l'affollamento non sono collegati a un disagio tanto marcato. Lo studio dimostra che anche brevi esperienze di disuglianza possono avere effetti marcati sul comportamento: passate ricerche avevano sottolineato che chi tocca con mano il disagio di una differenza di classe riporta cattive conseguenze sulla salute e sul benessere mentale.

 

In volo, ma anche a terra. La soluzione? Per gli aerei è semplice: basta imbarcare i passeggeri da ingressi diversi. Ma lo stesso problema potrebbe riguardare anche stadi e luoghi di lavoro, in cui per raggiungere il proprio cubicolo bisogna passare dalle stanze dei "piani alti".

 

 

05 Maggio 2016 | Elisabetta Intini