Psicologia

Gli effetti non visivi dei colori

Lo spettro luminoso può influenzare il nostro corpo e il modo in cui ci comportiamo molto più di quanto si pensi, e per un preciso meccanismo biologico che ha poco a che fare con la vista.

Il rosso accelera i battiti cardiaci, il blu rasserena, il verde favorisce il sonno... Quante volte sentiamo associare ai colori effetti più o meno benefici sull'organismo? Qual è la base scientifica di queste affermazioni?

Da un paio di decenni, come spiega un articolo pubblicato su The Conversation, si indaga sugli effetti non visivi dei colore. Così come l'orecchio, deputato all'ascolto, regola anche l'equilibrio, l'occhio presiede essenzialmente a due funzioni. I fotorecettori, ossia le cellule sensibili al colore nella retina, inviano segnali elettrochimici alla corteccia visiva, la parte del cervello in cui prendono forma le immagini che vediamo.

Un'altra strada. Tuttavia, alcune cellule della retina chiamate cellule gangliari, rispondono alla luce mandando segnali ad una regione centrale del cervello che non si occupa della vista: l'ipotalamo. Questa struttura secerne ormoni che regolano vari aspetti dell'organismo, come temperatura, stimolo alla fame, sonno e ritmi circadiani. Le cellule gangliari sono selettivamente sensibili alle lunghezze d'onda più corte dello spettro luminoso (quelle blu-verdi).

Perché Facebook è blu, e le insegne dei fast food sono rosse? La scienza dei colori nel marketing e online © Shutterstock

sonno. Esiste dunque una via di comunicazione fisiologica ben precisa tra la luce e il modo in cui questa influisce su umore, battito cardiaco, stato di veglia, impulsività. L'esposizione alla luce blu-verde, nelle prime ore del mattino, aumenta la produzione di cortisolo e inibisce quella di melatonina, svegliandoci. Di sera, quando la quantità di questo tipo di luce diminuisce, la melatonina aumenta, e ci viene sonno (mentre la luce blu di smartphone e tablet contrasta questo effetto naturale, favorendo l'insonnia).

Umore. I cambiamenti nell'esposizione a questo tipo di luce potrebbero anche essere alla base dei disturbi stagionali dell'umore legati all'arrivo dei mesi invernali. La luce rossa sembra avere un piccolo, ma individuabile effetto di accelerazione sui battiti cardiaci. Quella blu, al contrario, li rallenta, e non è il suo unico beneficio.

Comportamenti pericolosi. Dopo che nel 2009, LED a luci blu sono stati installati sulla Yamanote, la rete ferroviaria urbana di Tokyo, i tassi di suicidio sulla linea sono diminuiti del 74%. Luci dello stesso colore sono quindi state installate anche alle stazioni ferroviarie dell'aeroporto di Gatwick. Il motivo della loro efficacia non è ancora ben chiaro: tre anni di studi sul rapporto tra luce blu e impulsività non hanno dato risultati significativi.

Appena all'inizio. La diffusione di LED sempre più efficienti, e di laboratori in cui modulare la luce in modo preciso e selettivo, sta incoraggiando questo filone di studi: è ora chiaro che esiste un rapporto (biologico, non frutto di credenze) tra colori e reazioni fisiologiche dell'organismo.

Capirne le dinamiche aiuterà a sfruttare meglio la luce a nostro vantaggio.

28 settembre 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us