Psicologia

Gli adolescenti imparano meglio con le ricompense

Il cervello degli adolescenti è più recettivo alle promesse positive che alle minacce di una punizione; i teenager sono anche meno capaci di immaginare come sarebbe andata agendo in un altro modo.

Per il cervello di un adolescente, la promessa di una ricompensa è un incentivo molto più efficace della minaccia di una punizione: lo rivela uno studio pubblicato su PLOS Computational Biology, che mostra anche come i teenager siano meno capaci degli adulti di riflettere sulle conseguenze di decisioni alternative a quelle che hanno preso.

Il test. Stefano Palminteri, neuroscienziato italiano ora all'École normale supérieure di Parigi, ha condotto l'esperimento mentre si trovava all'University College London. Ha chiesto a 18 volontari dai 12 ai 17 anni e 20 persone tra i 18 ai 32 anni di scegliere tra una serie di simboli astratti, associati di volta in volta alla certezza di una ricompensa, a una punizione o a nessuna conseguenza. Nel corso della prova, i soggetti imparavano ad associare il simbolo al suo effetto, e potevano modulare le scelte di conseguenza.

Un approccio diverso. Adulti e adolescenti sono stati ugualmente bravi nello scegliere simboli associati a ricompensa, ma i teenager si sono rivelati meno abili nell'evitare quelli legati a punizioni, o nell'immagazzinare informazioni utili su cosa sarebbe successo se avessero scelto diversamente. Modelli computazionali hanno confermato i dati comportamentali.

Lo studio sembra suggerire che i rinforzi positivi dati da genitori e insegnanti potrebbero funzionare meglio delle minacce di castighi e degli inviti a imparare dai propri errori.

21 giugno 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us