Psicologia

Gli adolescenti imparano meglio con le ricompense

Il cervello degli adolescenti è più recettivo alle promesse positive che alle minacce di una punizione; i teenager sono anche meno capaci di immaginare come sarebbe andata agendo in un altro modo.

Per il cervello di un adolescente, la promessa di una ricompensa è un incentivo molto più efficace della minaccia di una punizione: lo rivela uno studio pubblicato su PLOS Computational Biology, che mostra anche come i teenager siano meno capaci degli adulti di riflettere sulle conseguenze di decisioni alternative a quelle che hanno preso.

Il test. Stefano Palminteri, neuroscienziato italiano ora all'École normale supérieure di Parigi, ha condotto l'esperimento mentre si trovava all'University College London. Ha chiesto a 18 volontari dai 12 ai 17 anni e 20 persone tra i 18 ai 32 anni di scegliere tra una serie di simboli astratti, associati di volta in volta alla certezza di una ricompensa, a una punizione o a nessuna conseguenza. Nel corso della prova, i soggetti imparavano ad associare il simbolo al suo effetto, e potevano modulare le scelte di conseguenza.

Un approccio diverso. Adulti e adolescenti sono stati ugualmente bravi nello scegliere simboli associati a ricompensa, ma i teenager si sono rivelati meno abili nell'evitare quelli legati a punizioni, o nell'immagazzinare informazioni utili su cosa sarebbe successo se avessero scelto diversamente. Modelli computazionali hanno confermato i dati comportamentali.

Lo studio sembra suggerire che i rinforzi positivi dati da genitori e insegnanti potrebbero funzionare meglio delle minacce di castighi e degli inviti a imparare dai propri errori.

21 giugno 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us