Psicologia

Guardare film pornografici rende ciechi?

Proprio ciechi no, ma qualche problema può darlo.

Non proprio, ma secondo uno studio olandese può causare problemi di vista, e quella che potrebbe sembrare una leggenda per terrorizzare i ragazzini del secolo scorso nasconderebbe più di un fondo di verità.

I ricercatori del Groningen Medical Centre affermano infatti che la visione di film hard provoca l’inibizione dei processi cerebrali rivolti agli stimoli visivi perché il cervello si focalizza sul piacere e non sulla vista, causando una momentanea diminuzione dell’afflusso di sangue alla corteccia visiva.

Flussi di sangue. Il problema sarebbe soprattutto femminile: l’équipe ha sottoposto dodici donne fra i 18 e i 47 anni (un campione molto piccolo) alla scansione delle cortecce visive primarie durante la visione di diversi filmati, fra cui un documentario, una pellicola soft-core, dove venivano mostrati preliminari e stimolazione manuale, e una hard, dove non mancavano stimolazione orale e rapporti completi. I risultati dell’analisi hanno dimostrato che durante la visione del filmato più esplicito l’afflusso di sangue al cervello è stato minore rispetto agli altri due video.

Secondo Gert Holstege, membro del team di ricerca, il calo di attività nella corteccia visiva è da attribuire in parte al livello di ansia, che è strettamente connesso all’attività visiva. L’ansia, infatti, cala all’aumentare dell’eccitazione sessuale. Inoltre, il ridotto afflusso ematico alla corteccia visiva potrebbe rappresentare la compensazione all’incremento della quantità di sangue richiamato nelle regioni coinvolte nell’eccitazione sessuale.

Metti alla prova la tua vista

1 maggio 2014
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us