Psicologia

Felicità: uomini e donne la sperimentano in modo diverso

Chi ne parla di più? Chi dipende più spesso dagli umori altrui? E chi risente maggiormente del rischio depressione? Le emozioni positive (e non solo), declinate al maschile e al femminile.

Sono più felici gli uomini o le donne? La domanda è mal posta e non è neppure utile: la scienza conferma infatti che maschi e femmine vivono le emozioni - positive o negative che siano - in modo diverso. A delineare il quadro complesso di queste differenze, così come emergono dalle ultime ricerche, è un articolo pubblicato su The Conversation.

La "felicità femminile" (etichetta utile a semplificare il discorso) ha subito un calo negli ultimi 30 anni, anche se alcuni recenti studi statistici suggeriscono che raggiunge l'apice in età avanzata, quando le pressioni legate alla vita familiare diminuiscono. Le donne corrono inoltre un rischio due volte maggiore degli uomini di sviluppare depressione, ma più veloci ad uscirne (oltre che più inclini a chiedere un aiuto terapeutico).

Più travolgenti. Questa predisposizione è bilanciata dal fatto che nel genere femminile le emozioni positive sono vissute con maggiore intensità. Forse per ragioni legate all'evoluzione, le donne esprimono più facilmente gioia, vicinanza, ma anche paura, tutte componenti legate alle relazioni sociali che, in quanto figure accudenti primarie, devono coltivare. Queste emozioni (a eccezione della rabbia) vengono anche condivise più facilmente con gli altri a livello verbale: in generale, si pensa che la felicità femminile, rispetto a quella maschile, sia più legata al contesto relazionale.

Offesa? Chi, io? Alcuni studi confermano che le donne ottengono punteggi più alti nei compiti di riconoscimento delle emozioni, sensibilità sociale ed empatia. Quelli che potrebbero sembrare "vantaggi" sono però controbilanciati dalla questione della rabbia.

Gli uomini sono più inclini a esprimerla apertamente e dirigerla sulla persona interessata. Al contrario, per le donne non è "socialmente accettabile" manifestare la rabbia in modo aperto: tendono quindi a interiorizzarla e trasformarla in pensieri ruminanti, un fattore che, secondo gli scienziati, contribuirebbe alla vulnerabilità femminile a stress e depressione.

emozioni, gioia
Vedi anche: 8 cose da fare per essere felici © Shutterstock

più Costanti. Gli uomini manifestano maggiori capacità di problem solving e flessibilità cognitiva, caratteristiche che possono contribuire a un umore positivo più stabile, meno legato a fluttuazioni esterne. Dal canto loro, le donne faticano a mantenere uno stato d'animo appagato e felice se gli input sociali attorno a loro non lo consentono: tendono maggiormente, per esempio, a fare delle esigenze altrui una priorità rispetto alle proprie, una caratteristica che le rende anche più inclini al risentimento e alla frustrazione. Per gli uomini, è più facile coltivare un benessere legato al piacere e all'edonismo.

che cosa unisce. Come si intuisce, la questione è complessa, e lo è ancora di più se si tiene conto delle personalità di ciascuno al di là delle fin troppo semplicistiche generalizzazioni.

Nonostante le differenze, i benefici della felicità sull'umore e la salute riguardano tutti senza distinzioni e, fatto importante, sono comunque legati alle relazioni sociali, e non solamente all'individualità.

27 novembre 2018 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us