Psicologia

Faccia da politico

Quando dobbiamo scegliere chi votare estrapoliamo le competenze dei candidati dai loro tratti somatici. Ma a volte si sbaglia. 

Shoichi Nakagawa, l’ex ministro delle finanze giapponese che ha dato le dimissioni dopo essersi presentato non proprio in forma (qualcuno dice ubriaco, lui dice sotto gli effetti di una medicina) a una conferenza stampa del G8 (vedi il video qui sotto), non si è di sicuro costruito una reputazione da politico affidabile. Eppure, nel suo paese, devono averlo votato in molti: secondo un recente studio svizzero quando scegliamo un candidato e ne valutiamo le capacità, ci basiamo in larga misura sulla sua faccia, un po’ come fanno i bambini quando devono scegliere un capo.

John Antonakis e Olaf Dalgas, due ricercatori dell’Università di Losanna, hanno mostrato a un gruppo di volontari adulti le immagini di due candidati a una tornata elettorale francese, assolutamente sconosciuti in Svizzera. Hanno chiesto alle cavie umane di valutare le competenze e l’affidabilità dei due politici semplicemente guardandoli in faccia: la maggior parte di loro ha scelto colui che vinse effettivamente le elezioni. Antonakis e Dalgas hanno ripetuto poi l’esperimento con un gruppo di bambini, simulando un viaggio in nave da Troia a Itaca e chiedendo ai piccoli di scegliere quale dei due personaggi avrebbero voluto come capitano del loro vascello. I bambini non hanno avuto dubbi nell’affidare il comando sempre allo stesso politico. Non è ancora chiaro quali siano gli aspetti fisici che caratterizzano un leader, ma secondo questo studio è chiaro che per far politica ci vuole la faccia...giusta. Non ci credi? Mettiti alla prova con il nostro test "Politico o serial killer"




27 febbraio 2009
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us