Psicologia

Essere troppo buoni è una patologia?

Si può essere buoni al punto da rinunciare alle proprie necessità? In questo caso potrebbe trattarsi di una patologia.

Sì, ma solo se si è disponibili con il prossimo al punto di rinunciare ai propri diritti. Quando non si tratta di altruismo ma di uno smodato tentativo di mostrarsi disponibili per guadagnarsi l'approvazione altrui al punto da perdere di vista i propri bisogni e diritti, in questo caso si può essere in presenza di una patologia che il Dsm (Diagnostic and statistical manual of mental disorders), uno dei manuali diagnostici più usati dagli psicologi e psichiatri di tutto il mondo, definisce «disturbo dipendente di personalità» caratterizzato da almeno 5 dei seguenti elementi:


1. difficoltà a prendere decisioni senza ricevere consigli;
2. bisogno che gli altri si assumano responsabilità per la maggior parte dei settori della propria vita;
3. difficoltà a esprimere disaccordo verso gli altri;
4. difficoltà a fare cose autonomamente per mancanza di fiducia in sé;
5. tendenza a fare qualsiasi cosa, anche spiacevole, pur di ottenere supporto dagli altri;
6. disagio nello stare soli; tendenza a rimpiazzare subito una relazione stretta con un'altra;
7. preoccupazione esagerata di essere lasciati a se stessi.

Personalità. Quando non si può diagnosticare un vero e proprio disturbo, si può parlare di «stile dipendente di personalità»: è il caso di chi fa fatica a esprimere la propria opinione e si trova a disagio a causa della sua incapacità a dire di no.

Ti può interessare:
Essere di cattivo umore ha dei vantaggi?
Fa bene piangere?
Perché quando una cosa ci ispira tenerezza viene voglia di stringerla?

24 dicembre 2015
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us