Psicologia

Dolci e patatine modificano il cervello

Il consumo regolare di cibi ricchi di zuccheri e grassi altera le connessioni neurali e abitua il cervello a preferire quegli alimenti a quelli sani.

Il cucchiaio è affondato nella crema prima ancora che riusciste a pensare se fosse il caso di concedersi una fetta di torta? C'è un motivo, se la voglia di cibi dolci o ricchi di grassi sembra spesso "più forte di noi". Alla lunga, questi alimenti modificano il cervello, spingendolo a ricercarli sempre più spesso, a infilarli nel carrello al supermercato e a preferirli alle altre cose da mangiare.

Questione di abitudine. Gli scienziati del Max Planck Institute for Metabolism Research di Colonia, in Germania, lavorando in collaborazione con l'Università di Yale, si sono chiesti se l'attrazione per i cibi poco salubri e che fanno ingrassare sia innata o sia invece una conseguenza dell'essere sovrappeso. Hanno scoperto che questa spinta irresistibile si può apprendere, e che basta relativamente poco perché il nostro cervello impari a prediligere alimenti molto grassi o molto zuccherati.

Due mesi di dessert. Come spiegato nello studio, pubblicato su Cell Metabolism, i ricercatori hanno offerto a un gruppo di volontari un piccolo budino molto ricco di zuccheri e grassi in aggiunta alla loro dieta normale, ogni giorno per otto settimane. Altri partecipanti hanno ricevuto un budino con le stesse calorie ma con meno grassi. L'attività cerebrale di tutti i soggetti è stata monitorata per l'intera durata dell'esperimento.

Trasformato nel profondo. Dopo otto settimane, la risposta del cervello ai cibi ricchi di zuccheri e grassi è risultata decisamente aumentata nel gruppo che aveva consumato il budino meno salutare. In particolare questi alimenti attivavano in modo più marcato il sistema dopaminergico, il complesso di vie nervose nel cervello responsabile della percezione della ricompensa e della motivazione.

La continua esposizione a questi sapori aveva colpito così profondamente il cervello da ridisegnarne le connessioni: «Le nostre misurazioni dell'attività cerebrale hanno mostrato che il cervello cambia le sue connessioni durante il consumo di patatine e alimenti simili. Impara inconsciamente a preferire questi cibi che lo appagano. Attraverso questi cambiamenti finiremo per preferire sempre inconsciamente gli alimenti che contengono molti grassi e molti zuccheri», spiega Marc Tittgemeyer, che ha guidato lo studio.

Abitudine radicata. Anche se nel corso dell'esperimento chi aveva mangiato il budino "incriminato" non ha preso più peso né aumentato i livelli di colesterolo, gli scienziati sono convinti che gli effetti di questo allenamento ai cibi insalubri rimarranno nel tempo, perché «una volta che si formano nuove connessioni nel cervello non si dissolvono così facilmente.

Dopo tutto, lo scopo dell'apprendimento è che una volta che si è imparato qualcosa non lo si dimentichi così in fretta», conclude Tittgemeyer.

25 marzo 2023 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us