Psicologia

Diventare giocolieri aiuta il cervello

Può essere un'ottima attrattiva alle feste e utile per chi lavora in un circo. Ma imparare a fare il giocoliere può anche modificare alcune aree del cervello di un adulto. In meglio.

Diventare giocolieri aiuta il cervello
Può essere un'ottima attrattiva alle feste e utile per chi lavora in un circo. Ma imparare a fare il giocoliere può anche modificare alcune aree del cervello di un adulto. In meglio.

Imparare a fare il giocoliere aiuta a far colpo sul partner. Ma anche a modificare la struttura del cervello.
Imparare a fare il giocoliere aiuta a far colpo sul partner. Ma anche a modificare la struttura del cervello.

Cosa si può fare per potenziare il proprio cervello? Imparare a fare il giocoliere. Non è una battuta di spirito, ma il risultato di uno studio condotto dai ricercatori dell'University of Regensburg, in Germania. Finalmente, per dare “gas” al proprio cervello non vengono suggeriti studi matematici, tecniche mnemoniche, test logici, pastiglie di fosforo e quant'altro, ma il libero sfogo della creatività, il movimento del proprio corpo all'aria aperta, e giochi di destrezza e abilità. Gli studiosi tedeschi, infatti, hanno provato che quest'attività può causare cambiamenti “visibili” nel cervello, agendo da potenziatore cerebrale.
La materia grigia è “elastica”. Il team ha esaminato 24 persone non abili a fare i giocolieri: metà sono stati addestrati per riuscire, almeno per 60 secondi, a mettere in atto la tradizionale “cascata a tre palle”, l'altra metà è stata utilizzata come gruppo di controllo. A tutti i partecipanti, i ricercatori hanno applicato una tecnica per misurare le concentrazioni di tessuto cerebrale con la quale hanno ottenuto risultati sorprendenti: nel gruppo di controllo non sono stati registrati cambiamenti nel cervello, mentre nel gruppo dei “giocolieri” è stata registrato un aumento della misura in due aree del cervello. Più precisamente, i giocolieri hanno sviluppato una maggiore materia grigia (che consiste perlopiù in cellule neuronali) nell'area medio-temporale e nel solco intraparietale posteriore sinistro, due regioni “addette” all'informazione visiva del movimento. Analoghi incrementi sono stati registrati anche su un'altra regione cerebrale, la sostanza bianca, cioè l'insieme di fasci neuronali che connette le diverse aree del cervello.
Ritorno al passato. Dopo una "pausa" di tre mesi, durante il quale i giocolieri non hanno più praticato l'attività, i ricercatori hanno registrato una sorta di "regressione" del cervello, ossia un ritorno alle misure normali.
Secondo gli studiosi, questi risultati sfidano il punto di vista, accreditato dai più, secondo il quale le esperienze non hanno effetti sul cervello. «La ricerca mostra che quello che noi facciamo nella vita di tutti giorni può avere un impatto non solo su come il nostro cervello funziona, ma sulla sua struttura ad un livello più macroscopico», ha affermato la studiosa Vanessa Sluming.

(Notizia aggiornata al 2 febbraio 2004. Ultimo aggiornamento: 14 ottobre 2009)

2 febbraio 2004
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us