Psicologia

Da quali parole un bambino inizia a parlare?

Uno studio che ha registrato 200mila ore di conversazioni nella casa di un neonato, dalla nascita ai tre anni, aiuta a comprendere come si sviluppa l'apprendimento del linguaggio.

Ogni genitore ha la sua storia da raccontare su quali siano state le prime parole pronunciate dal figlio, se le classiche “mamma”, “papà”, “bau” oppure altre più strane e almeno apparentemente imprevedibili.

I ricercatori della Stanford University e del MIT di Boston hanno però un approccio diverso e hanno messo in piedi un gigantesco esperimento di raccolta dati per cercare di comprendere da quali parole è più probabile che un bambino inizi a parlare scegliendo dai milioni di parole che sente pronunciare intorno a sé nei primi mesi della sua vita.

Dopo avere seguito e documentato la vita di un bimbo da nove mesi a tre anni gli psicologi americani propongono un’ipotesi: che le prime parole pronunciate siano non quelle che il bambino ha sentito più spesso, ma quelle udite in differenti contesti della vita quotidiana, a diverse ore del giorno e in vari tipi di conversazione.

On the record. I ricercatori hanno accumulato 200mila ore di registrazione nella casa di una famiglia, dalla nascita del bambino, un maschietto, fino ai tre anni, dieci ore di registrazione al giorno trascritte quasi interamente a mano. In questo lasso di tempo, a portata di orecchio del bambino sono state pronunciate 8 milioni di parole.

Dalla prima parola, “mama”, detta a 9 mesi, fino ai due anni (l’intervallo di tempo preso in considerazione per lo studio), il piccolo ha pronunciato 679 parole. Tutti i dati raccolti sul linguaggio sono poi stati analizzati e classificati in base alla stanza della casa nella quale le parole erano state pronunciate, a quale ora, e quali erano le parole pronunciate nel resto della conversazione.

Parole quotidiane. Dall’esame dei dati, i ricercatori hanno concluso che le parole udite più frequentemente dal bambino non necessariamente sono quelle che vengono imparate per prime. Anche se l’esposizione a una certa quantità di linguaggio è un prerequisito necessario per imparare una lingua (tradotto banalmente, perché i bambini imparino bisogna che siano immersi nel linguaggio), a contare di più è la qualità del parlato e l’interazione con le persone. Si sa già da diversi altri esperimenti, condotti però in laboratorio e non nella vita quotidiana, che una lingua viene imparata più facilmente quando è integrata in un contesto di attività sociali, e che il tempo in cui ci si rivolge direttamente a un bambino è più importante per l’apprendimento del tempo passato in generale ad ascoltare il linguaggio. E questo è anche uno dei motivi per cui non basta mettere un bambino a guardare per ore dei cartoni animati in inglese perché lo impari.

Conversazioni. Il nuovo studio (anche se condotto su un solo bambino) è il primo che fornisce un fondamento empirico importante a questa ipotesi sull’apprendimento del linguaggio: i bambini imparano a parlare attraverso conversazioni della vita quotidiana, nell’interazione e nella socialità con gli adulti, non in modo astratto. E le parole che imparano prima sono quelle che vengono usate in attività di routine come i pasti o il gioco (“colazione” e “calcio” sono state tra le prime pronunciate dal bambino dello studio) oppure quelle che vengono usate in contesti diversi e in diversi tipi di conversazione (come “Ciao”).

21 settembre 2015 Chiara Palmerini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us