Psicologia

Che cosa possiamo fare per non essere aggrediti da un criminale per strada?

Come fa un criminale a scegliere la sua vittima? Un famoso esperimento degli Anni '80 ha rilevato il linguaggio del corpo che ci fa sembrare prede interessanti.

Un po' come avviene nel mondo animale, i potenziali aggressori selezionano la "preda" istintivamente, percependo la sua vulnerabilità attraverso particolari comportamenti della vittima come il modo di camminare o la postura. A fare scuola sul tema fu un celebre esperimento condotto a New York nel 1981 dai sociologi Betty Grayson e Morris Stein.

I ricercatori avevano installato una videocamera su un marciapiede trafficato della città, riprendendo i passanti per tre giorni (tra le dieci e mezzogiorno) e facendo poi visionare il filmato a un gruppo di detenuti reclusi per crimini violenti, tra i quali omicidi, stupri e rapine a mano armata. Ecco che cosa hanno detto i criminali intervistati.

L'importanza deL linguaggio del corpo. I carcerati hanno valutato i pedoni dandogli un punteggio da 1 a 10 in base a quello che valutavano il livello di difficoltà dell'eventuale agguato nei loro confronti. Con grande sorpresa degli studiosi, per individuare i "bersagli" ai detenuti sembravano bastare pochissimi secondi (sette secondi in media), nel corso dei quali elementi come il sesso, l'etnìa o l'età dei passanti non risultavano determinanti.

A influire era il linguaggio del corpo: la lunghezza e la velocità del passo, la coordinazione degli arti e altri segnali non verbali, classificati dai ricercatori come "fuori dalla norma" o "insoliti". Evitarli è dunque la prima regola per non finire nel mirino di un criminale. Vediamoli.

camminata a passo sicuro. Nello studio, le persone classificate dai criminali come meno vulnerabili camminavano in modo disinvolto, avanzando con passi energici e ben proporzionati alla loro altezza.

Al contrario, passi troppo lunghi o troppo corti attiravano l'attenzione degli aggressori. È consigliabile dunque camminare alla stessa velocità o al massimo un po' più rapidamente rispetto agli altri pedoni. Una camminata eccessivamente rapida potrebbe infatti indicare nervosismo.

Andatura dritta e sincronizzata. Mentre camminiamo, dovremmo evitare di caracollare sbilanciando il peso del corpo a destra o a sinistra, mantenendo un'andatura dritta e sicura, sincronizzando il movimento degli arti e non strascicando i piedi. Questi movimenti scomposti possono segnalare smarrimento o eventuali problemi fisici che gli aggressori riescono facilmente a captare.

Spalle e schiena dritte.  Anche la postura è fondamentale: mento in su, schiena dritta e spalle indietro comunicano sicurezza, mentre tenere la testa abbassata e camminare ricurvi sono pessimi segnali.

Bisognerebbe poi guardarsi intorno con naturalezza in modo da dominare l'ambiente circostante e notare in anticipo persone sospette. Paradossalmente, persino guardare in faccia il potenziale aggressore potrebbe proteggerci, "bruciandogli" l'effetto sorpresa.

Niente distrazioni. I criminali selezionano di solito vittime distratte, sferrando agguati a colpo sicuro ed evitando così di essere scoperti. Per questo, un ultimo consiglio utile da parte degli esperti a chi ascolta musica, è quello di regolare il volume delle cuffie in modo da riuscire a sentire i suoni intorno a sé, evitando di perdere contatto con la realtà e rimanendo pronti ad anticipare le mosse dell'eventuale aggressore.

3 gennaio 2023 Massimo Manzo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us