Psicologia

Lyft o Lift? I consumatori preferiscono marchi con nomi semplici

Quando si tratta di scegliere il nome di un marchio, meglio attenersi a parole semplici senza modificarne la grafia: i consumatori tendono a preferirle e sentirle più sincere.

Scegliere un nome accattivante per una nuova azienda è compito degli esperti di marketing: fino a oggi era pratica comune e ben vista puntare su nomi semplici cambiando qualche lettera per renderli inusuali – come Lyft (un'azienda statunitense simile a Uber) invece di Lift.

Ora uno studio pubblicato sul Journal of Marketing rivela che forse non è proprio una buona idea: la maggior parte dei consumatori percepirebbe i nomi scritti (volutamente) male come poco sinceri, e sarebbe meno propensa a fidarsi dei marchi con nomi di questo tipo.

Clear o Klear? Quasi 3.000 persone hanno partecipato a otto studi sperimentali. Uno di questi prevedeva che dei promoter distribuissero dei campioni gratuiti di soda durante una partita di football in Indiana (Stati Uniti): un marchio si chiamava Deep, l'altro Klear o Clear.

I tifosi potevano scegliere quello che preferivano: quando le opzioni erano Klear o Deep, la scelta ricadeva su Klear nel 48% dei casi; se invece i marchi erano Clear o Deep, il primo vinceva nel 62% dei casi. «A conferma di quanto avevamo previsto, quando i consumatori dovevano scegliere tra un nome non convenzionale e uno familiare, sceglievano il secondo nel 14% dei casi in più», spiega John Costello, coordinatore dello studio.

Trucchetto di marketing. In un altro studio i ricercatori hanno chiesto ai partecipanti perché valutassero più negativamente un marchio con uno spelling inusuale rispetto a uno scritto in modo corretto: è emerso che ritenevano l'uso di nomi con la grafia scorretta una tattica di marketing, pensata per far apparire il marchio più interessante o di tendenza.

È importante sottolineare che gli studi sono stati condotti su marchi nuovi: «Potrebbe essere che, anni fa, l'uso di grafie inusuali fosse ben visto, e che ora abbiamo stancato», spiega Rebecca Reczek, una degli autori.

A volte piace. In alcuni casi questa strategia di marketing non si ritorce contro l'azienda, quando ad esempio il consumatore percepisce che il motivo dietro alla scelta del nome del marchio è sincero: «Quando il nome viene scelto assieme ai consumatori e non solo dall'azienda, l'effetto boomerang si annulla», spiega Costello.

Un altro caso in cui nomi con grafia inusuale sono addirittura preferibili è quando l'azienda offre al consumatore un'esperienza strana e memorabile, ad esempio aprendo un bar fatto interamente di ghiaccio a Las Vegas – che potrebbe chiamarsi, per dire, Yce Kube.

OCCHIO ALLA SCELTA! Nel complesso, dunque, la scelta di nomi poco convenzionali ha sia aspetti negativi che positivi: «Se l'azienda sceglie un nome con una grafia inusuale, è bene che comunichi chiaramente ai consumatori l'origine del nome durante le prime campagne di marketing, per evitare l'effetto boomerang», conclude Costello.

15 marzo 2023 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us