Uno studio spiega perché l'animo del complottista alberga un po' in tutti noi. E indica i tratti comportamentali che possono esasperare questo atteggiamento.

Il complottista sostiene che lo sbarco sulla Luna del 1969 sia stato in realtà costruito e filmato in uno studio cinematografico. È convinto che il vero Paul McCartney sia morto da tempo e che quello che vediamo sia un sosia. Cerca di convincere gli amici che la covid sia stato creata in laboratorio, come del resto i Simpson avevano previsto nel 1993.

Sono solo alcune delle più diffuse, e per alcuni aspetti divertenti, teorie del complotto che circolano sul web, in qualche caso ormai da anni. Ma perché, per quanto improbabili e incredibili, queste idee si diffondono in maniera così capillare? Che cosa ci spinge a dare credito a voci prive di fondamento e la cui falsità è facilmente verificabile con pochi click?

Il più recente di una lunga serie di tentativi di spiegare il fenomeno viene dalla Norvegia, da uno studio che sostiene come, in fondo, essere complottisti faccia parte della natura umana.

Scatenate dall'incertezza. Secondo il sociologo Asbjørn Dyrendal, professore presso la Norwegian University of Science and Technology, le teorie cospirazioniste nascono come risposta a situazioni di paura e incertezza e sono legate all'apprensione sul futuro.

Quando le nostre emozioni, soprattutto quelle negative, prendono il sopravvento sulla parte razionale, e c'è in gioco la nostra identità, finiamo per risultare più facilmente vulnerabili alle teorie cospirazioniste. Non solo a quelle che sentiamo o leggiamo, ma anche a quelle che elaboriamo da soli, dentro alla nostra testa. Come quando ci convinciamo, per esempio, che i comportamenti molesti del nostro vicino di casa siano dovuti non a "semplice" maleducazione o a insensibilità, ma alla sua precisa intenzione di disturbarci.

L'identikit del cospirazionista. Nel 2016 Dyrendal e il suo team hanno sottoposto a un questionario 883 studenti norvegesi, a cui hanno chiedesto di esplicitare le loro opinioni su argomenti che spaziavano dal paranormale al nazionalismo estremista.

Obiettivo dello studio era quello di identificare individuare comportamenti e tratti psicologici che potessero essere considerati  precursori del cospirazionismo. Tra questi il disturbo schizotipico della personalità (che si manifesta, in chi ne soffre, con distorsioni cognitive, eccentricità nei comportamenti ecc.), l'autoritarismo di estrema destra, la dominanza sociale, il credere nei fenomeni paranormali.

Mix esplosivo. Secondo i ricercatori nessuno di questi tratti da solo permette di identificare un individuo cospirazionista, che è invece caratterizzato da una serie di alterazioni dei singoli comportamenti combinati insieme.

Il disturbo schizotipico, che oltre ai comportamenti non convenzionali include anche la paranoia e l'ansia sociale, è stato comunque segnalato come il precursore primario del comportamento cospirazionista.

 

Questo tratto comportamentale può essere a sua volta amplificato da atteggiamenti come la dominanza sociale: individui convinti che la società debba essere dominata da alcuni gruppi a discapito di altri sono più portati a credere alle teorie complottiste.
Il cospirazionismo sembra coinvolgere più gli uomini che le donne, mentre livello sociale e culturale sembrano incidere solo marginalmente.

Dallo studio emerge chiaramente il ruolo dei social media nell'amplificare le teorie del complotto.

Senza confini. La Norvegia è uno dei paesi più evoluti al mondo, tra i più avanzati nel promuovere ideali di uguaglianza sociale e di genere, ma non sembra immune dalla diffusione di teorie complottiste: lo studio di Dyrendal sembra quindi confermare come queste pericolose idee non conoscano confini.

27 febbraio 2021 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us