Speciale
Domande e Risposte
Psicologia

Complotti: la covid è colpa dei test sui tamponi?

Complottisti e negazionisti negano il virus e la covid affermando che è il test sui tamponi a creare la pandemia. Un'idea basata su bugie e false premesse, pericolosa per la salute pubblica.

La principale tecnica diagnostica per valutare la presenza di SARS-CoV-2 in un campione biologico, tipicamente prelevato mediante tampone (il tampone naso-faringeo), è la RT-PCR: l'affidabilità di questa tecnica è stata più volte messa in discussione da personaggi che hanno il loro seguito nel mondo del complottismo. Tra costoro è molto gettonata l'idea che non esista alcun nuovo virus, e che per tutto questo pandemonio si debba incolpare solamente il test, che trova ciò che è predisposto a trovare. La bugia che caratterizza questa falsa lettura della realtà è che, essendo la RT-PCR una tecnica basata sulla copia del genoma virale, essa produca falsi risultati positivi dovuti ad un meccanismo di copia impreciso. Instillando il dubbio sull'accuratezza della tecnica, complottisti, negazionisti & Co. traggono forza per affermare che il genoma del virus è una bufala, che il virus non esiste e che la covid è un'invenzione per "distrarci" dai danni del 5G, dall'imposizione di vaccinazioni di massa e altre simili, tutte alimentate da quell'unica falsa premessa che tutto ciò sia causato proprio dallo strumento diagnostico, l'RT-PCR.

RT-PCR: come funziona? La PCR è una metodica ideata nel 1983 e largamente utilizzata nella diagnosi di molte patologie, non solo a carattere infettivo (Valones et al., 2009). In uno studio (Lu et al., 2020) pubblicato in agosto dai CDC americani (i centri per il controllo e la prevenzione delle malattie), ente che non può certo essere accusato di collusione col "partito del coronavirus", la RT-PCR è indicata come metodologia d'elezione per la diagnosi del SARS-CoV-2, adoperata con un protocollo standard in tutto il mondo.

Questa tecnica permette di copiare tante volte, per poterlo quantificare, il genoma virale - se presente - estratto da cellule prelevate da soggetti infetti o presunti tali tramite tampone (Corman et al., 2020). Questa fase di copia, più propriamente chiamata di amplificazione, serve appunto a rendere la sequenza virale quantificabile: al termine del processo è possibile dire se c'è e in quale concentrazione (misura della carica virale).

Il meccanismo di copia è possibile grazie ai cosiddetti adattatori, sintetizzati ad hoc e in grado di riconoscere solo e solamente tre geni virali specifici per il virus che si sta ricercando, in questo caso il SARS-CoV-2 (Yu et al., 2020).

La specificità dei geni bersaglio (i tre geni virali specifici) permette di discriminare la presenza di quel virus da tutti gli altri, anche se della sua stessa famiglia: l'assenza di quei tre geni non permette il meccanismo di copia che, complessivamente, si riavvia per un totale di 45 cicli (Lu et al.

, 2020), ognuno dei quali è caratterizzato da una fase di riconoscimento degli adattatori ai tre geni target, di copia della sequenza e di distacco degli adattatori.

Nel sistema è inserito un controllo positivo di riferimento, cioè un campione sicuramente positivo. È infatti il confronto tra le risultanze sul campione biologico in esame e il controllo di riferimento a definire l'eventuale positività del campione biologico di partenza e la sua carica virale, e quindi la successiva diagnosi per la persona che si è sottoposta a quel tampone.

Il modo in cui funziona l'intero meccanismo ci dice chiaramente che è insensato pensare che si possano ottenere diagnosi positive se non ci sono tracce virali nel campione prelevato col tampone.

----------

L'Osservatorio della cattiva Scienza è una rubrica a cura di Simone Di Giacomo e Simona Paglia, biologi del Dipartimento di Farmacia e Biotecnologie dell'Università di Bologna.

10 novembre 2020
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us