Psicologia

Chi non mangia in compagnia...

Si mangia di più e più volentieri insieme ad amici e familiari: sembra una banalità, ma c'è una ragione evolutiva.

Vi è mai capitato di tornare a casa dopo un pranzo in famiglia tenendovi la pancia dolorante e maledicendovi perché avete mangiato troppo? Be', la colpa non è della cucina della nonna ma della nostra storia evolutiva. È la conclusione a cui è giunto un gruppo di psicologi dell'università di Birmingham che hanno analizzato 42 diversi studi sulle abitudini sociali legate all'alimentazione per rispondere alla domanda "perché mangiamo di più quando siamo in compagnia?".

Quando eravamo cacciatori. L'abitudine di condividere il cibo gli altri ha una storia antichissima; lo facevano già i nostri antenati cacciatori-raccoglitori, per i quali era una forma di "assicurazione" contro una caccia andata male: sapere che se torni a casa a mani vuote qualcun altro condividerà il suo cibo con te è un fortissimo collante sociale, e assicurarsi che tutti abbiano qualcosa significa tra l'altro che mangiare da soli, quando nessuno può controllare le dosi, è un comportamento da sempre scoraggiato. E anche se oggi le nostre abitudini sono completamente diverse, abbuffarsi in solitudine è ancora considerato sconveniente, mentre la compagnia di amici spinge naturalmente a consumare più cibo, un comportamento definito dagli autori dello studio "social facilitation" e che, in un contesto familiare, viene visto come una sorta di "ricompensa collettiva" ("abbiamo il cibo, mangiamolo").

Mai con gli estranei. Un'ulteriore conferma delle radici del nostro stramangiare arriva dalla considerazione che in compagnia di estranei si tende invece a mangiare meno del dovuto, perché «la gente vuole fare buona impressione, e prendere porzioni piccole è un modo», secondo l'autrice Helen Ruddock. La quale mette anche in guardia sulle conseguenze di questo comportamento, nato in un contesto di caccia e raccolta e rimasto intatto fino a oggi, quando il cibo è abbondante: il rischio è che quello che un tempo era un premio per una caccia andata bene diventi un modo per indulgere in comportamenti poco sani.

20 ottobre 2019 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us