Psicologia

Chi sono i metrosexual?

Non c'entra niente l'orientamento sessuale, per esempio. E non sono solo calciatori.

Il neologismo metrosexual è stato inventato nel 1994 dal giornalista inglese Mark Simpson per indicare una nuova generazione di uomini, eterosessuali, che vivono nelle grandi città (metro-) e che hanno una grande attenzione per il proprio aspetto.
Narcisisti e salutisti curano il loro fisico in modo spasmodico ricorrendo anche a prodotti di cosmesi: fitness, abbronzatura a raggi UVA, depilazione parziale o totale del corpo sono tra i vezzi più diffusi.
Tendenzialmente benestanti, possono permettersi (e vogliono) vestiti alla moda e un'alimentazione salutistica. Si potrebbe dire, anche se la definizione non è corretta al 100%, che il metrosexual è la versione moderna del dandy inglese di fine '800.

Omosex, bisex o metrosex? La parola metrosexual, al contrario di omosessuale o bisessuale, non riguarda però l’orientamento sessuale delle persone e non è un termine della psicologia. L'invenzione del termine, infatti, voleva spiegare come fossero cambiati i gusti estetici e le abitudini di acquisto degli uomini delle grandi città. Tuttavia la cura del corpo e dell'abbigliamento di un metrosexual è molto più simile a quella tipica di un bisessuale o di un omosessuale, rispetto a un eterosessuale.

Storia italiana. È entrato nelle cronache italiane per un'intervista di Alessandro Cecchi Paone sulla nazionale di calcio italiana del 2012 («in questa nazionale ci sono due gay, un bisessuale e alcuni giocatori metrosexual» dichiarò Cecchi Paone), sbalzando dalle nuove parole più utilizzate l'ormai "inflazionato" spread.

Ti potrebbero interessare anche
Sesso ed eros: quanto ne sai
Il segreto della bellezza
I volti della bellezza

9 dicembre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us