Psicologia

Che cosa è la sindrome di Stoccolma?

La sindrome di Stoccolma si chiama così a causa di un caso accaduto a Stoccolma nei primi anni Settanta. E fu teorizzata da un famoso psichiatra criminologo.

La sindrome di Stoccolma è un meccanismo per cui un prigioniero simpatizza con il suo rapitore. «Quando un ostaggio pensa che morirà vive una sorte di infantilizzazione: infatti, come un bambino, non può mangiare o andare in bagno senza permesso», ha spiegato lo psichiatra pioniere nella scienza dei traumi Frank Ochberg, il consulente dell'FBI che ha definito il fenomeno. «In questa fase estrema, qualunque concessione da parte di chi lo minaccia suscita enorme gratitudine; al punto che alla fine, negando a se stesso la verità, il prigioniero pensa di dovere a un criminale la sua stessa vita».

La sindrome deve il suo nome a un caso accaduto a Stoccolma il 23 agosto 1973: Jan-Erik Olsson entrò armato in banca prendendo in ostaggio quattro impiegati. Dopo sei giorni, mentre il criminale si arrendeva, gli ostaggi lo abbracciarono pregando la polizia di non fargli del male. L'espressione divenne famosa poi nel 1974, quando l'ereditiera 19enne Patty Hearst fu rapita da un gruppo combattente di sinistra.

Trauma. Due mesi dopo il rapimento, Patty annunciò su un'audiocassetta di essersi unita allo SLA e di aver preso il nome di "Tania", il nome di battaglia della compagna di Che Guevara In seguito, Patty Hearts effettuò una rapina a mano armata, il primo di una serie di crimini effettuati per conto dell'associazione che l'aveva rapita. Quando fu arrestata dall'FBI, per quanto la sua difesa invocasse la sindrome di Stoccolma, cioè una sorta di "lavaggio del cervello", fu condannata a 35 anni di prigione, poi ridotti a sette. Il presidente degli Stati Uniti Bill Clinton le ha concesso la grazia.

3 dicembre 2022 Elisa Venco
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us