Psicologia

Che cosa è la sindrome di Stoccolma?

La sindrome di Stoccolma si chiama così a causa di un caso accaduto a Stoccolma nei primi anni Settanta. E fu teorizzata da un famoso psichiatra criminologo.

La sindrome di Stoccolma è un meccanismo per cui un prigioniero simpatizza con il suo rapitore. «Quando un ostaggio pensa che morirà vive una sorte di infantilizzazione: infatti, come un bambino, non può mangiare o andare in bagno senza permesso», ha spiegato lo psichiatra pioniere nella scienza dei traumi Frank Ochberg, il consulente dell'FBI che ha definito il fenomeno. «In questa fase estrema, qualunque concessione da parte di chi lo minaccia suscita enorme gratitudine; al punto che alla fine, negando a se stesso la verità, il prigioniero pensa di dovere a un criminale la sua stessa vita».

La sindrome deve il suo nome a un caso accaduto a Stoccolma il 23 agosto 1973: Jan-Erik Olsson entrò armato in banca prendendo in ostaggio quattro impiegati. Dopo sei giorni, mentre il criminale si arrendeva, gli ostaggi lo abbracciarono pregando la polizia di non fargli del male. L'espressione divenne famosa poi nel 1974, quando l'ereditiera 19enne Patty Hearst fu rapita da un gruppo combattente di sinistra.

Trauma. Due mesi dopo il rapimento, Patty annunciò su un'audiocassetta di essersi unita allo SLA e di aver preso il nome di "Tania", il nome di battaglia della compagna di Che Guevara In seguito, Patty Hearts effettuò una rapina a mano armata, il primo di una serie di crimini effettuati per conto dell'associazione che l'aveva rapita. Quando fu arrestata dall'FBI, per quanto la sua difesa invocasse la sindrome di Stoccolma, cioè una sorta di "lavaggio del cervello", fu condannata a 35 anni di prigione, poi ridotti a sette. Il presidente degli Stati Uniti Bill Clinton le ha concesso la grazia.

3 dicembre 2022 Elisa Venco
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us