Comportamento

Che cosa ci insegnano alcune favole di Walt Disney?

Un illustratore inglese spiega - brevemente e con una punta di ironia - che cosa ci hanno insegnato i protagonisti di alcune favole di Walt Disney. Un modo abbastanza dissacrante per spiegarci una verità "scientifica": le favole si insegnano a crescere.

Con le fiabe siamo cresciuti e attraverso di esse abbiamo imparato a conoscere noi stessi, a vincere le nostre paure. Abbiamo scoperto il nostro mondo emotivo, appreso schemi nuovi di comportamento e ricavato gli aspetti pratici.

E, grazie all'ironia di Jared Maruyama prendiamo spunto dalle principesse più popolari delle favole Disney per alcune elementari regole di vita quotidiana.

Dalla favola di Biancaneve, per esempio: “Ricordarsi, sempre, di lavare la frutta”.

E da Cenerentola? “Nella vita, tutto ciò che serve è avere un atteggiamento positivo, una fata per madrina e, assolutamente, il giusto paio di scarpe”. Facile no?

La bella addormentata e la Sirenetta © Jared Muruyama

Qual è la fiaba a cui ispirarci se siamo dei sognatori? Ovvio, quella della Bella Addormentata. Il motto? “Prestare attenzione alla lista degli invitati alla tua festa e, soprattutto, non dare oggetti pungenti ai bambini.

Ultima ma non meno importante è la lezione che viene dalla favola della Sirenetta! Dobbiamo imparare una cosa fondamentale: “Leggere bene ogni contratto - soffermarci anche sulla lettera più piccola - prima di firmare!”.

Che cosa ci insegnano le fiabe, davvero. Siete ancora del parere che le favole siano roba per bambini? Secondo i fratelli Grimm, autori di molte fiabe - da Biancaneve a Raperonzolo - sembrerebbe proprio di no. E anche secondo gli antropologi: gli studi più recenti confermano che le fiabe classiche hanno origini molto antiche.

«Molto simili ai miti, le fiabe avevano - e hanno - la funzione di diffondere i valori di una comunità e le regole di comportamento» spiega Jack Zipes, professore emerito di lettere comparate all’Università Usa del Minnesota, uno dei massimi esperti sulla funzione e le origini delle fiabe. «Le brutte avventure che riguardavano i bambini, spesso poveri e orfani, erano ispirate dalla vita reale in cui erano endemici sfruttamento minorile, fame, violenza sui minori, mortalità infantile e da parto».

18 settembre 2014 Stella Tortora
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

In viaggio con Dante Alighieri: per scoprire il “suo” Medioevo, seguirlo sulla via dell'esilio e capire i motivi che lo spinsero a scrivere la Divina Commedia, pietra miliare della lingua e della letteratura italiana. E ancora: i segreti di Madame Claude, la maitresse più famosa di Parigi che “inventò” le ragazze squillo; nella Napoli di Gioacchino Murat, il cognato coraggioso e spavaldo di Napoleone.

ABBONATI A 29,90€

Le nostre attività lasciano un’impronta sull’ambiente, ma dobbiamo vivere in un mondo più sostenibile. Come fare? Inoltre: Voyager 2, la navicella più longeva nella storia delle missioni spaziali; come funzionano i reparti di terapia intensiva dove si curano i malati della CoViD-19; cos'è davvero il letargo per gli animali.

ABBONATI A 29,90€

Sul nuovo numero di Focus Domande&Risposte tantissime domande e risposte curiose e inaspettate nel nome della scienza. Per esempio: è vero che la musica fa cambiare sapore al formaggio? E che mariti e mogli con il tempo si assomigliano? E che la solitudine cambia il nostro cervello?

ABBONATI A 29,90€
Follow us