Psicologia

Cervelli extralarge per vivere più a lungo

Nessuno ha ancora scoperto la formula dell'elisir di lunga vita. Intanto, però, alcuni primati sembrano aver trovato un modo per prolungare la loro esistenza: nel corso dell'evoluzione hanno sviluppato cervelli più grandi. (Elisabetta Intini, 30 aprile 2008)

Se a trent'anni ancora faticate a staccarvi da mamma e papà, probabilmente è perché siete superdotati. Di cervello... che cosa avevate capito? Sì, e misure abbondanti, anche, come suggerisce la ricerca degli antropologi della Duke University (Usa) e dell'Università di Zurigo. I ricercatori hanno confrontato i punti chiave dello sviluppo cerebrale di 28 specie di primati, tra i quali una popolazione indigena del Sud America, lontana da qualunque forma di modernità, e un gruppo di lemuri del Madagascar. Dall'analisi di parametri come la durata della vita e della gravidanza e lo sviluppo cerebrale pre e post parto, gli scienziati hanno concluso che alcuni primati, uomo compreso, hanno sviluppato cervelli più grandi per aumentare le proprie chance di sopravvivenza in ambienti selvaggi.
Il rovescio della medaglia. Grazie a cervelli extralarge i primati hanno elaborato nuove tecniche per procacciarsi il cibo, sfuggono più facilmente ai predatori e interagiscono con i loro simili scambiandosi favori. Tutti trucchi per vivere meglio e più a lungo, senza contare che un'esistenza più tranquilla permette di concentrarsi sull'attività riproduttiva e perpetrare la specie. Un cervello così grande e complesso richiede però un periodo di maturazione lungo. È (anche) per questo che "cuccioli" più o meno cresciuti stentano ad abbandonare il nido.

30 aprile 2008
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us