Psicologia

Una partita di calcio è esaltante quanto una corsa a 250 km/h?

Come reagisce il nostro organismo alla tensione di una partita di calcio o all’adrenalina di una corsa mozzafiato a 250km/h?

È più emozionante una partita di Champions League della propria squadra del cuore (magari la finale) o un giro di pista a bordo di un bolide guidato da un professionista?

Se lo è domandato Nissan, che a pochi giorni dalla finale di Cardiff tra Juventus e Real Madrid ha coinvolto un gruppo di volontari in un adrenalinico test a sfondo sportivo.

L’esperimento è stato condotto in collaborazione con un team di esperti in scienza dello sport della Loughborough University (Regno Unito).


Misuratori di emozioni. I partecipanti al test sono stati dotati di dispositivi indossabili per il rilevamento della frequenza cardiaca e respiratoria e dell’attività elettrodermica, cioè della capacità della pelle di condurre corrente elettrica. Secondo gli scienziati questi tre parametri sono quelli che meglio descrivono, in maniera oggettiva, lo stato emotivo di una persona.


I volontari hanno quindi partecipato a due attività: sono andati allo stadio ad assistere a un match della fase finale di Champions League (Juventus-Bayern Monaco) e, qualche giorno dopo, hanno affrontato le curve del Circuito di Spa-Francorchamps (Belgio) a oltre 250 km/h di velocità a bordo di una Nissan GT-R guidata da un pilota professionista.

La risposta fisiologica dei due gruppi di volontari è riassunta nella tabella qui sotto.

Reazione fisica

Partite della UEFA Champions League

Giornata in pista a bordo di GT-R

Aumento medio della frequenza cardiaca

39%

37%

Frequenza cardiaca media

91 BPM

100 BPM

Picco medio della frequenza cardiaca

124 BPM

136 BPM

Aumento medio della frequenza respiratoria

140%

144%

Frequenza respiratoria media

15 respiri al minuto

15 respiri al minuto

Picco medio della frequenza respiratoria

35 respiri al minuto

35 respiri al minuto

Per tutta la durata dei due esperimenti la frequenza cardiaca delle cavie umane è stata molto simile, con evidenti picchi nei momenti salienti del test, per esempio dopo un gol o dopo una curva mozzafiato.

Stadio in apnea. Le principali differenze sono state osservate nella frequenza respiratoria tra partita di calcio e giro di pista: «durante le partite abbiamo riscontrato un aumento della frequenza respiratoria seguito da una diminuzione, che coincide con i momenti di suspense in cui i tifosi hanno trattenuto il fiato: si è quindi delineato un andamento altalenante nell’arco dei 90 minuti.

Per i passeggeri delle GT-R, invece, la frequenza respiratoria è aumentata in maniera costante, cosa che dimostra un’emozione più intensa e sostenuta» spiega Dale Esliger della Loughborough University.

La scienza dell'esperimento (video: 2:17)

Quante emozioni vuoi? «Prima di questo studio, valutavamo in maniera soggettiva l’entusiasmo suscitato da una partita di calcio importante o da una corsa elettrizzante a bordo di una supercar come Nissan GT-R.

La ricerca, condotta nell’ambito del Nissan Excitement Index, ci ha permesso di utilizzare una tecnica innovativa basata su dati elaborati da sensori, in modo da osservare la reazione fisica dei partecipanti in questi momenti adrenalinici e ipotizzare di conseguenza quali potessero essere gli aspetti più entusiasmanti» ha concluso Esliger.

Nota: Anche se non abbiamo sufficienti dati scientifici (e la nostra conclusione è soprattutto mossa da spirito patriottico), possiamo ipotizzare che un giro di pista con una Ferrari pilotata da Sebastian Vettel sia più eccitante di una partita di calcio... a meno che non siate un tifoso della Juventus durante la finale della Champions League contro il Real Madrid.

1 giugno 2017 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us