Psicologia

Individuata l'attività cerebrale responsabile delle esperienze pre-morte

Un picco di onde cerebrali dopo che il cuore ha cessato di battere potrebbe spiegare alcune sensazioni legate alla morte, come l'andare verso la luce.

I ricordi di una vita che passano davanti agli occhi come in un film. Un ultimo tunnel buio da percorrere verso una luce abbagliante sul fondo. La sensazione di vedere sé e i propri cari dall'alto mentre si galleggia ormai fuori dal corpo. Sono alcuni dei racconti associati alla dimensione misteriosa della morte grazie alle testimonianze di chi è stato molto vicino al trapasso (ma poi si è salvato). Da che cosa dipendono queste esperienze?

Un piccolo studio appena pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences offre una parziale, possibile risposta. Nel corso della ricerca che ha monitorato in ogni fase il cervello di quattro persone morenti è stata individuata un'attività cerebrale che sembrerebbe specifica delle ultime fasi di vita, e che potrebbe spiegare i tratti comuni delle esperienze pre-morte.

Una linea sottile. Anche se il senso comune associa la morte al momento in cui il cuore cessa irreversibilmente di battere, dal punto di vista scientifico il confine tra vita e morte è più complesso e sfumato, perché diversi studi su umani o animali hanno dimostrato che l'attività cerebrale può continuare per diversi secondi o addirittura ore anche in seguito. Di questa attività cerebrale in punto di morte sappiamo ancora pochissimo: ecco perché Jimo Borjigin, neurofisiologa dell'Università del Michighan, ha deciso di seguire attentamente l'attività elettrica del cervello di quattro pazienti in coma, connessi a sistemi di supporto vitale e senza possibilità di sopravvivenza.

Picco anomalo. Queste persone indossavano cuffie per elettroencefalografia che hanno registrato l'attività elettrica negli strati superiori del cervello nel corso dell'intero processo del fine vita: prima che i medici staccassero i respiratori, durante l'ultimo battito cardiaco e anche dopo, fino a quando l'attività elettrica del cervello non è cessata del tutto. In due pazienti, qualche secondo dopo la rimozione dei ventilatori è stata registrata un'impennata di onde cerebrali ad alta frequenza chiamate onde gamma, che sono continuate per qualche minuto ad alta intensità mentre il cuore smetteva di battere.

Replay della vita. Naturalmente non è possibile sapere se queste persone abbiano avuto esperienze pre-morte durante il decesso, ma sappiamo che lo stesso pattern di onde gamma si può verificare quando una persona rievoca attivamente un ricordo, un sogno o qualcosa che ha imparato, tanto che alcuni neuroscienziati ritengono queste oscillazioni una sorta di firma della coscienza.

Come ha spiegato a Science il neurochirurgo Ajmal Zemmar, le onde gamma potrebbero segnalare che diverse aree cerebrali lavorano all'unisono per mettere insieme diverse sensazioni che restituiscono la consapevolezza di un oggetto - per esempio l'odore e il suono di un'auto.

Averle riscontrate in persone che stavano morendo potrebbe indicare una possibile spiegazione biologica ai racconti del cervello che ripassa in rassegna i ricordi di una vita come in un film. 

Non per tutti. Il fatto che solo due persone su quattro abbiano manifestato questa scarica di onde gamma non sorprende, dal momento che non tutte le persone che si avvicinano alla morte riportano le visioni di cui abbiamo parlato. Inoltre i due pazienti avevano una storia di epilessia, che potrebbe aver preparato il loro cervello a sperimentare attività elettriche anomale. 

Guizzo finale. Per Charlotte Martial, scienziata dell'Università di Liegi (Belgio) esperta di esperienze pre-morte, l'attività cerebrale riscontrata sarebbe parte di una modalità di sopravvivenza innescata dal cervello rimasto in deprivazione di ossigeno, che prova ad autorisuscitarsi mentre esclude ogni segno esterno di coscienza: «Chiude la porta al mondo esterno e si occupa delle faccende interne perché la sua casa va a fuoco», spiega la scienziata.

Ora si spera che la scoperta possa essere replicata su un più ampio numero di pazienti. Se così avvenisse significherebbe aver capito qualche cosa in più dell'esperienza della morte.

4 maggio 2023 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us