Psicologia

Attacchi di panico: ecco come si scatenano nel cervello

Individuato nei topi un circuito cerebrale implicato negli attacchi di panico e nei loro sintomi tipici: lo si potrà sfruttare per terapie mirate.

Dolore al petto, battito accelerato, fame d'aria, sudorazione a mille, paura di morire: sono i sintomi inconfondibili degli attacchi di panico, episodi in cui si è colti da una forte ansia e paura anche in assenza di un apparente pericolo. Un gruppo di neuroscienziati statunitensi è ora riuscito a creare una mappa delle regioni cerebrali, delle connessioni e dei neuroni coinvolti in questi eventi. Un circuito che si potrebbe prendere di mira farmacologicamente per "spegnere" gli attacchi di panico. La scoperta è stata pubblicata su Nature Neuroscience.

Un nuovo bersaglio. «In precedenza si pensava che l'amigdala, il centro della paura nel cervello, fosse la principale responsabile degli attacchi di panico», dice Sung Han, Professore associato del Salk Institute for Biological Studies e primo autore dello studio. «Ma persino le persone con l'amigdala danneggiata possono avere attacchi di panico, perciò sapevamo di dover guardare altrove. Ora abbiamo trovato uno specifico circuito cerebrale fuori dall'amigdala collegato agli attacchi di panico, e che potrebbe ispirare nuovi trattamenti per questo disturbo, diversi dai farmaci attualmente disponibili che prendono tipicamente di mira il sistema cerebrale della serotonina».

Allarme, pericolo! I ricercatori si sono piuttosto concentrati su una zona del cervello chiamata nucleo parabrachiale laterale (PBL) che si trova nel ponte, un'area anatomica del tronco encefalico. Questa porzione di cervello è considerata una "centralina di allarme" del sistema nervoso, e controlla anche ritmo respiratorio, velocità del battito cardiaco e temperatura corporea. Studiando il suddetto nucleo nei topi, il team ha avuto la conferma del suo ruolo nel generare gli attacchi di panico e i sintomi fisiologici ed emotivi ad essi collegati. Inoltre, il PBL produce un neuropeptide, ossia un messaggero chimico, che avrebbe un ruolo chiave nel regolare le risposte allo stress.

Un possibile "interruttore". Quando hanno provato a simulare attacchi di panico nei topi, gli scienziati hanno osservato che il rilascio e la ricezione del neuropeptide in questione, chiamato PACAP (Pituitary Adenylate Cylcase-Activating Polypeptide) producevano il comportamento associato agli attacchi di panico, mentre l'inibizione di questo segnale riduceva i sintomi - una scoperta promettente per futuri trattamenti farmacologici.

Disturbi a confronto. Secondo gli autori dello studio, rintracciare il percorso specifico all'origine degli attacchi di panico è importante anche per distinguere questi episodi dalla generica ansia, che non induce i classici sintomi "fisici" degli attacchi di panico e non sorge in modo così spontaneo e incontrollabile, ma ha piuttosto una componente più "mnemonica" ed è attivata da stimoli più prevedibili.

Sottolineare queste differenze servirà ad affinare anche le terapie.

4 gennaio 2024 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us