Psicologia

Andare a scuola mette ansia?

Durante il lockdown, con la scuola chiusa e la didattica a distanza (dove funzionava), gli studenti inglesi sono stati meglio e hanno sofferto meno di ansia.

Il periodo di lockdown duro e di chiusura delle scuole a causa della covid ha significato non vedere più gli amici, almeno di persona, non avere modo di socializzare - in poche parole, non avere contatto umano con alcuno che non fosse la propria famiglia. Ma se è vero che quarantena e scuole chiuse hanno causato ricadute psicologiche su bambini e adolescenti, un nuovo studio britannico condotto su ragazzi e ragazze di 13 e 14 anni di età getta luce su un altro aspetto, opposto e inaspettato: non andando a scuola, molti studenti avrebbero sperimentato una diminuzione nei livelli di ansia e, in generale, avrebbero visto aumentare il proprio benessere.

Che stress! La scuola non è solo amici, opportunità di apprendimento e di crescita: per molti giovani, andare a scuola significa dover sopportare le angherie dei bulli, le pressioni di interrogazioni e test a sorpresa, i confronti con i professori. Non dover affrontare ogni giorno tutto questo ha significato per molti un aumento del benessere e del relax. Questo varrebbe soprattutto per le ragazze: prima della quarantena, il 54% era a rischio di soffrire di ansia; durante la quarantena, la percentuale è scesa al 45%.


Durante l'isolamento, gli studenti si sarebbero anche (paradossalmente) sentiti più connessi: lontani dagli stress della vita scolastica in presenza, là dove i livelli di informatizzazione e le possibilità di connessione erano migliori, gli insegnanti sarebbero riusciti a comunicare meglio con i propri allievi, in modo efficace, sebbene più informale, parlando dalla scrivania di casa invece che da una cattedra.

Social network: non tutto è negativo. Lo studio ha inoltre rilevato un aumento nell'utilizzo delle piattaforme social durante la quarantena - in particolare, ancora una volta, tra le ragazze, che avrebbero passato in media tre ore in più al giorno su Facebook, Instagram & co. La ricerca tiene però a sottolineare gli aspetti positivi dei social media, che hanno permesso ai giovani di rimanere in contatto con amici e familiari lontani, evidenziando l'importanza, ora più che mai, di comprenderne i benefici e non denunciarne solo i rischi.

7 settembre 2020 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Come sarebbe stata (e sarebbe) la nostra vita senza cani, gatti, cavalli, topi, api, scimmie? Abbiamo girato la domanda direttamente a loro, gli animali, per farci raccontare che cosa e quanto hanno fatto per l'uomo fin dalla notte dei tempi. Perché non c'è evento, guerra, scoperta, epidemia che si possa ripercorrere senza valutare il ruolo svolto dagli altri abitanti del Pianeta.

ABBONATI A 29,90€

Perché viaggiamo? L'uomo viaggia da sempre con gli scopi più diversi, ma solo da poco tempo lo fa anche per divertirsi. E tu, che viaggiatore sei?Scoprilo con il test. E ancora: come sono i rifugi antiatomici della Svizzera e degli Usa; come si gioca la guerra dell’informazione nel Web; perché i Sapiens sono rimasti l’unica specie di Homo sulla Terra; gli amici non sono tutti uguali perché il rapporto con loro dipende dalla personalità, dal sesso e dal tempo che si passa insieme. Fai il test: che tipo di amici hai?

ABBONATI A 31,90€
Follow us