Psicologia

Il cervello mette un freno al maschilismo

Vi considerate immuni da pregiudizi maschilisti? Ringraziate - la vostra partner di certo lo farà - le aree prefrontali del cervello, che si attivano per tenere a bada gli stereotipi associati al genere.
(Elisabetta Intini, 23 marzo 2011)

"È l'uomo che porta i pantaloni". "Non è un posto per donne, lascia fare al sesso forte". "Il tuo capo è donna? Davvero??" Se frasi come queste vi fanno storcere il naso è tutto merito della vostra corteccia prefrontale. Senza la sua opera instancabile di "mediazione", nemmeno l'uomo più galante si salverebbe da alcuni scivoloni sessisti, come la convinzione che successo e potere non siano prerogative femminili. È quanto svela uno studio dell'Università Milano-Bicocca pubblicato sulla rivista scientifica Neuroimage.

Colti in castagna. I ricercatori hanno somministrato a 26 studenti di psicologia, 13 maschi e 13 femmine, un test al computer che misura le convinzioni implicite delle persone sul genere (Gender Implicit Association Test, IAT). In una prima fase ai soggetti è stato chiesto di identificare come maschile o femminile un nome che appariva al centro di uno schermo, premendo il tasto destro o sinistro. Successivamente i volontari dovevano associare alcune parole al concetto di "forza" o "debolezza" premendo gli stessi tasti utilizzati nella fase 1. Quando è stato chiesto di utilizzare lo stesso tasto per indicare "femminile" e "forza" i maschi hanno totalizzato più errori rispetto a quando lo stesso pulsante doveva indicare "femminile" e "debolezza" (viceversa per i nomi maschili). Lo stesso effetto non è stato osservato sulle loro colleghe che, invece, non hanno mostrato alcuna preferenza di genere.

Sentinelle anti-pregiudizi. Per indagare le basi neurologiche di questa peculiarità gli scienziati hanno somministrato lo stesso test a un secondo gruppo di 36 soggetti (18 maschi e 18 femmine) sottoposti a Stimolazione Magnetica Transcranica (TMS) una tecnica non invasiva capace di interferire temporaneamente con le aree cerebrali selezionate. Si è osservato che quando nei maschi venivano inibite la corteccia prefrontale dorsolaterale e la corteccia prefrontale dorsomediale, due aree implicate nel controllo degli stereotipi, l'associazione uomo-forza-successo e donna-debolezza risultava ancora più netta. In sostanza gli uomini, anche se non consapevolmente, avrebbero la tendenza naturale a collegare i concetti di prestigio e affermazione sociale a una figura maschile e solo grazie a queste aree, le ultime in ordine di tempo a maturare durante la crescita (lo sviluppo completo avviene intorno ai 15-16 anni), riuscirebbero a "frenare" gli impulsi potenzialmente discriminatori.

Allenare alla complessità. «La corteccia prefrontale è la parte di cervello che ci distingue essenzialmente dagli altri primati» spiega Zaira Cattaneo, ricercatrice del Dipartimento di Psicologia a capo dello studio, «media processi complessi, come l'analisi e la sintesi delle informazioni, la pianificazione, i meccanismi che permettono di anticipare gli eventi e di fare previsioni sul futuro. Lo sviluppo dei lobi frontali dipende fortemente dall'educazione: se categorizzare in base al sesso è una pratica diffusa - spesso a scuola i bambini vengono divisi in maschi e femmine durante un gioco ("maschi contro femmine") - la situazione cambia quando a queste distinzioni si aggiunge una connotazione di valore (per esempio, "il sesso debole"). La differenza di genere si carica allora di una valenza emotiva che finisce per sedimentarsi nel cervello». Per allenare la corteccia a resistere agli stereotipi, quindi è importante «che il bambino sia sottoposto a sollecitazioni che ne stimolino la creatività, le capacità di ragionamento, di astrazione, di inferenza, il confronto con il "diverso". Insomma un'educazione alla complessità, contraria ad eccessive semplificazioni».

23 marzo 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us