I volti della bellezza

Da un capo all'altro della Terra le armi di seduzione più curiose usate per sedurre (o allontanare) un pretendente.

2002118113423_5reu_rtr1hgbz42-53486271con_6.01063424afp_par1024844flickr_mursi_webaur_9482600055_scarificaz_alta200342412506_5eye_0434456_web2003729144812_520021219183457_5get_10140293_webreu_rtr2rgto_webApprofondimenti
2002118113423_5

Tra le complesse tradizioni e rituali del popolo dei Samburu, tribù del nord del Kenya, c'è una sorta di danza dell'amore che apre il cerimoniale del corteggiamento. Quando il giovane uomo individua la prescelta, ha un modo singolare per fare il primo passo. Le getta sul viso la chioma di capelli acconciati e colorati d'ocra: è questo il segno chiaro della passione scoccata. Se lei ricambia, si aspetta in dono nuove collane di perline colorate per aumentare il fascio già abbondante che le adorna il collo.

reu_rtr1hgbz

La tradizione delle donne giraffa del popolo Padaung ha origini lontane. La leggenda narra infatti di spiriti avversi che aizzarono contro le donne di questo popolo tigri feroci per punirlo di colpe che si perdono nella notte dei tempi. Come salvarle dalla strage? Adattando grossi anelli d’oro al loro collo, a polsi e caviglie: anelli che diventarono meno preziosi ma sempre più simbolici (di bellezza e seduzione).
Oggi la tradizione, che coinvolge bambine fin dall'età di 5 anni, ha soprattutto lo scopo di attrarre curiosi (e danarosi) turisti. Il collare applicato attorno al collo dal peso iniziale di 3 chilogrammi viene aumentato ogni due anni con un nuovo anello: il collo sotto questa morsa arriva a misurare 25-30 centimetri.

42-53486271

"Belle come statue" è l’espressione più frequente tra chi conosce le donne Himba. E in effetti le donne di questo popolo della Namibia, in Africa, fanno di tutto per assomigliare a preziose "sculture" di terracotta. A partire dal make-up: un impasto di polvere d’ocra, erbe e burro di capra che spalmano sulla pelle e intorno ai capelli intrecciati.

con_6.01063424

Il composto le protegge da scottature e punture di insetto, ma soprattutto, dona loro un bel colore rossastro, considerato molto sexy. E per mantenerlo si lavano poco, anche perché purtroppo da quelle parti l'acqua scarseggia. Quando la strana fanghiglia si secca applicano un nuovo strato, rifacendosi il "trucco" anche 2 o 3 volte al giorno.

afp_par1024844

Nella città di Ribnovo, in Bulgaria, ci si sposa solo d’inverno. I matrimoni dell’etnia Pomak sono celebrati infatti esclusivamente tra novembre e febbraio, nel corso di un rituale che si trascina per due giorni. Alla vigilia dello sposalizio, i futuri sposi sono salutati da una festante processione di ragazzini che illuminano le via della città con le loro torce.
Il giorno seguente, marito e moglie conducono una danza tradizionale, l’horo, a cui partecipano tutte le famiglie del paese. Prima della cerimonia vera e propria, la promessa sposa viene truccata con una crema bianca e lustrini colorati (secondo un rito chiamato ghelina, circondata dalla sua famiglia. Fuori, il paese in festa attende la donna, appoggiando i propri doni di nozze accanto alla dote che viene lasciata in mostra davanti a casa.

flickr_mursi_web

Quello che vedete qui è il frutto di molti anni di "lavoro". E non senza sofferenze. Alle donne della tribù etiope dei Mursi, infatti, all'età di 15 anni viene praticata un'incisione sul labbro inferiore. Un foro che viene poi gradualmente dilatato con dischi sempre più larghi di legno o argilla.
Dopo un po' di tempo, queste donne riescono a indossare placche anche di 10 centimetri di diametro decorate a mano (come quella della donna nella foto).
Un gioiello un po’ ingombrante che serve alle donne mursi per trovare marito.
L’usanza secondo gli antropologi è un rito di passaggio dall'adolescenza all'età adulta. Quando il disco è grande significa che la donna ha raggiunto la maturità sessuale.

aur_9482600055_scarificaz_alta

Non sono solo cicatrici le incisioni sul ventre di questa donna del Benin, stato dell’Africa occidentale, ma rappresentano una tradizione, un retaggio culturale, un linguaggio ricco di simboli e significati. Attraverso la "scarificazione", una pratica che non prevede fuoriuscita di sangue, la pelle viene incisa nei suoi strati superficiali e sviluppa, una volta rimarginata la ferita, cicatrici più o meno evidenti che rimarranno sul corpo per tutta la vita. Questo rituale, diffuso in molte popolazioni dell’Africa occidentale, della Nuova Guinea e tra gli aborigeni australiani, è considerata una prova di coraggio, il passaggio verso l’età adulta, l’appartenenza alla propria tribù o semplicemente un modo per abbellire il corpo.

200342412506_5

Il popolo Nuba è tristemente famoso per le persecuzioni che subisce da anni per mano del governo integralista islamico di Khartum che lo assoggetta a una politica di assimilazione forzata. A lungo protetta dal naturale isolamento sui monti Nuba, nel cuore del Sudan, la cultura Nuba oggi è minacciata dalle manipolazioni di un brutale disegno che la vuole annichilire. Interessi economici si intrecciano con motivazioni religiose nel genocidio di questo popolo che nonostante tutto non dimentica le proprie tradizioni per le quali si decora il corpo con tatuaggi, piercing e scarificazioni.

eye_0434456_web

Le attenzioni maschili a volte possono diventare piuttosto insistenti. Lo sanno bene le bellissime donne della tribù indiana degli Apatani, che per secoli hanno dovuto sopportare le poco gradite avances degli uomini di altre etnie. Tanto da decidere di “imbruttirsi” apposta, per essere lasciate in pace.
Così, secondo la tradizione, è nata la loro usanza di tatuarsi il viso e inserirsi delle grosse placche di legno scuro nelle narici. Una pratica che, col tempo, si è trasformata in un “segno distintivo” di questa tribù. Anche se negli ultimi anni è caduta in disuso: le giovanissime infatti preferiscono rimanere belle al naturale.

2003729144812_5

Nella fotogallery dedicata alla bellezza si è visto come i canoni cambino nello spazio e nel tempo e come sia difficile definire all'unanimità ciò che è bello. I guerrieri dell'etnia Duna (Nuova Guinea) si addobbano per i loro rituali con vistosi disegni d'argilla, piume d'uccello e piercing d'osso. In queste civiltà non è la donna ad agghindarsi per attirare l'attenzione del maschio. La tradizione vuole che in occasione del matrimonio scelgano infatti il colore nero per le loro vesti e per il lutto si ricoprano il viso con strati di argilla grigio blu.

20021219183457_5

Sembra che alla vigilia delle festività di questo popolo, il villaggio si trasformi nel back stage di uno spettacolo teatrale. E la scena è tutta degli uomini, per i quali imbellettamenti e trucchi vari sono supremo simbolo di virilità. Sono loro a prendersi cura dei costumi e degli ingredienti per i cerimoniali delle danze, per i quali sono essenziali fiori, piume di uccello, oli e stoffe colorate. Dozzine di uomini danno l'ultimo tocco al make-up o si sistemano a vicenda le magnificenti acconciature fino a pochi attimi prima che inizino i festeggiamenti e i balletti. E se per l'uomo la cura del proprio corpo è essenziale per dimostrare la propria mascolinità, per la donna è un vero e proprio azzardo nei confronti della comunità apparire troppo attraente.
Nella foto... alcuni guerrieri pronti all'esibizione.

get_10140293_web

Chi pensa che le donne siano più vanitose degli uomini probabilmente non ha mai assistito alle lunghe sedute di trucco e parrucco degli uomini Karo, popolazione etiope. Qui non solo le signore, infatti, si decorano, anche figli e mariti si addobbano. Si cospargono di polveri di gesso, ocra e carboncino, disegnando simboli e motivi decorativi a imitazione degli animali.
Uno dei loro preferiti imita il piumaggio della faraona (nella foto), gallina di origine africana diffusa in tutto il mondo. A completare il look animalesco, uno chignon fermato con una piuma di struzzo, simbolo di coraggio e virilità.

reu_rtr2rgto_web

Il volto dipinto di questa donna Tuareg non sarà certo passato inosservato durante l'ultima Cure Salee, la "cura del sale" o Festival dei Nomadi che si tiene ogni settembre nelle piscine saline nei pressi di Ingall, Niger settentrionale. Tuareg, Peul e Wodaabe, le popolazioni nomadi della regione, accorrono in questa zona per far rinfrescare il bestiame e festeggiare la fine della stagione delle piogge. Si pensa che il sale abbia effetti benefici sulla salute degli animali e dei pastori. Ma probabilmente a far bene all'umore sono i rapporti umani che dopo mesi di lavoro e solitudine, si riallacciano. È questa l'occasione per cercare marito, ballare, cantare e raccontare le ultime novità agli amici ritrovati. Per attirare l'attenzione, gli uomini si esibiscono in prove di forza e parate, e ciascuno sfoggia il tradizionale make-up.

Tra le complesse tradizioni e rituali del popolo dei Samburu, tribù del nord del Kenya, c'è una sorta di danza dell'amore che apre il cerimoniale del corteggiamento. Quando il giovane uomo individua la prescelta, ha un modo singolare per fare il primo passo. Le getta sul viso la chioma di capelli acconciati e colorati d'ocra: è questo il segno chiaro della passione scoccata. Se lei ricambia, si aspetta in dono nuove collane di perline colorate per aumentare il fascio già abbondante che le adorna il collo.