La nomenclatura scientifica e i pregiudizi di genere

Quando si tratta di dare un nome a una nuova specie, i pregiudizi di genere si fanno sentire.

"Le donne e la scienza" è un argomento immenso e impossibile da analizzare in poche righe, ma un riassunto sintetico potrebbe essere questo: la scienza ha un problema con le donne. In effetti, le donne fanno più fatica a trovare un lavoroadeguato alle loro capacità in ambito scientifico, a farsi notare, a vedere riconosciuti i loro sforzi: il genere è ancora oggi una discriminante importante per il successo o l'insuccesso di una persona nel mondo della scienza. Il preconcetto a favore dei maschi non è però limitato a questioni professionali: uno studio pubblicato su Proceedings of the Royal Society si concentra sulla nomenclatura scientifica, cioè ai nomi che vengono dati a nuove specie scoperte, e scopre che, quando si tratta di dedicare una specie a una persona di scienza, la scelta ricade nell'80% dei casi su un maschio.

I nomi dei parassiti. Dare il nome a una specie appena scoperta è un privilegio che tocca a chi la scopre, che deve rispettare alcune semplici regole (per esempio non si possono usare parole volgari, né auto-dedicarsi una specie) ma per il resto ha libertà quasi assoluta di scegliere come chiamare l'animale o la pianta. Lo studio condotto da Robert Poulin della University of Otago, in Nuova Zelanda, parte da due presupposti: il primo è che ogni anno vengono scoperte migliaia di nuove specie, il secondo è che relativamente poche di queste specie appartengono ai gruppi più "famosi" (mammiferi, uccelli, pesci...); la stragrande maggioranza delle nuove scoperte sono vermi, parassiti e altre creature minuscole. Poulin e colleghi si sono quindi concentrate solo su queste scoperte, e hanno analizzato la nomenclatura di più di 3.000 specie descritte tra il 2000 e il 2020.

Tutti maschi. La prima conclusione che si legge nello studio è che di queste 3.000 specie, circa la metà hanno preso il loro nome da qualcosa di unico legato alla loro scoperta: il luogo dove sono state osservate la prima volta, per esempio, o quello dello scienziato che le ha osservate per primo. Proprio quest'ultima scelta è stata particolarmente interessante per lo studio: 596 delle specie analizzate hanno preso il loro nome da uno scienziato. È qui che entra in gioco il genere: di queste 596, appena il 19% ha preso il nome da uno scienziato donna, una percentuale che oggi è uguale a quella di vent'anni fa. Non solo: ci sono alcuni scienziati che hanno avuto l'onore di vedere due o più specie diverse battezzate con il loro nome; di questi, l'89% sono maschi.

Il preconcetto, insomma, è evidente, anche se lo studio non spiega le radici del problema: se dovessimo ipotizzare, la colpa è in parte della tendenza a celebrare gli scienziati maschi più delle femmine, e in parte del fatto che, in termini assoluti, ci sono meno donne scienziate in posizioni di potere (e dunque più "facili" da omaggiare), e quindi meno scelta.

24 maggio 2022 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us