Economia

Yahoo porta davvero Facebook in tribunale

Scontro in tribunale per i due colossi web.

“Dopo la guerra dei tablet inizia anche la guerra del web!”

Una guerra poco virtuale - Si combatte a colpi di cause e di carte, la guerra tra colossi nel mondo dell'informatica. Dopo la lunga storia - non ancora finita - di accuse finite sui tavoli di giudici di ogni parte del mondo da parte di Apple e Samsung, impegnate a cercare di ottenere il predominio assoluto nel campo degli smartphone e dei tablet, ecco che adesso scendono in campo altri due protagonisti. Yahoo ha infatti depositato una causa al tribunale federale di San José, in California, nella quale accusa Facebook di avere violato i brevetti riguardanti il posizionamento degli annunci pubblicitari su una pagina web. Anche la possibilità di poter esprimere delle preferenze riguardo alle pubblicità da parte dell'utente, per raffinare i risultati e lasciare solo quelli rilevanti per il singolo individuo, sarebbe stata brevettata da Yahoo. Insomma, i sistemi utilizzati da Facebook per presentare i propri annunci sarebbero un po' troppo liberamente “ispirati” a quelli del rivale.

Lo stupore di Zuckerberg - Il portavoce di Facebook, Jonathan Thaw, ha dichiarato che la sua azienda è venuta a conoscenza della causa solo grazie ai media. E ha rilanciato aggiungendo parole di fuoco che esprimono disappunto e delusione per il tradimento di Yahoo, compagno di tanti affari e, secondo Thaw, compagnia che avrebbe tratto molti benefici dalla sua partnership con Facebook. La risposta dei tipi di Yahoo non si è fatta aspettare. Sono sicuri di poter vincere, e affermano di essere stati costretti a ricorrere alle maniere forti perché i problemi con Facebook erano ben lontani da una soluzione pacifica. Un caso che questa mossa arrivi proprio in questo momento? Yahoo arranca proprio a causa dei suoi rivali, Facebook e Google in primis, è la compagnia di Zuckerberg è particolarmente vulnerabile, in questo momento, per via dell'imminente sbarco in borsa. Una causa trascinata per mesi o anni è una pubblicità di cui il social network non ha bisogno, ed è probabile che venga ricercato un accordo tra le parti. Secondo un database governativo statunitense, Yahoo possiederebbe ben tremilatrecento brevetti, mentre Facebook solo centosessanta. (sp)

Chiara Reali

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

14 marzo 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us