Economia

Via libera alla Net Neutrality in USA

La FCC distingue tra reti fisse e wireless.

È la prima forma di regolamentazione normativa della neutralità delle rete che obbliga gli operatori a fornire servizi web a tutti con lo stesso livello di velocità e priorità ma che consente, però, di fissare dei limiti al traffico via cellulare.

“La FCC detta le regole ma distingue tra reti fisse e wireless”

Svolta USA - La Federal Communication Commission (Fcc) statunitense, ossia l’Autorità delle telecomunicazioni Usa, ha finalmente approvato la normativa "Open Internet" con tre voti a favore e due contro. È una grande svolta per la net neutralità che però ha già scatenato un’orda di critiche sul web perché si prospetta comunque un’Internet a due velocità. Se da un lato l’FCC ha messo nero su bianco il divieto di bloccare il traffico in Rete e l’obbligo di una maggiore trasparenza nei confronti dei navigatori sulla gestione delle reti, dall’altro fa una distinzione tra reti fisse e wireless.

Mobile penalizzato - La neutralità della Rete, fino a ieri, è sempre stata una tacita convenzione che assicurava che l'accesso a Internet fosse libero e che i servizi web fossero forniti a tutti con lo stesso livello di velocità e priorità. A prescindere dal tipo di connessione. Le nuove regole appena approvate negli States impediscono di fatto agli operatori come AT&T, Verizon o Comcast, di bloccare o limitare l’accesso a servizi Internet concorrenti, come per esempio Netflix, ma solo su rete fissa. Sulla rete wireless, ossia quella che riguarda smartphone e dispositivi mobile, i provider possono (a discrezione) bloccare l’accesso siti e ad alcune applicazioni per evitare congestioni e offrire prestazioni ottimali. L’unica eccezione riguarda i servizi voce o di video-conferenza che non possono essere “toccati”.

I dieci techno-flop del 2010. Guarda la gallery!

22 dicembre 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us