Economia

Scioperi nelle fabbriche dell'iPhone 5? Tutto falso!

Foxconn nega gli scioperi.

di
La produzione dell'iPhone 5 a rischio? Foxconn smentisce le voci di uno sciopero che avrebbe coinvolto circa 4.000 lavoratori nello stabilimento cinese di Zhengzhou venerdì scorso. La notizia era stata diffusa dal quotidiano britannico The Guardian. Chi dice la verità?

"Foxconn: nessuno sciopero né a Zhengzhou né in qualsiasi altra nostra fabbrica!"

Sciopero!!

Alta tensione - La causa scatenante dello sciopero, stando alle voci raccolte dal britannico The Guardian, è proprio l’iPhone 5. La scorsa settimana in Cina la produzione si sarebbe dovuta fermare (o quanto meno rallentare) a causa di una festività nazionale, ma la grande richiesta del nuovo smartphone Apple avrebbe indotto Foxconn a incrementare, invece, i turni lavorativi. Gli alti standard richiesti da Cupertino nell’assemblaggio del suo ultimo gioiellino hi-tech, inoltre, avrebbero fatto aumentare i controlli qualità nella catena produttiva. Esasperando ulteriormente i già stressati operai della linea di montaggio. La classica goccia che fa traboccare il vaso, insomma.

Sì, no, forse - Foxconn, già alle prese con diversi problemi di ordine interno, si è affrettata a smentire le voci della serrata degli operai. Un portavoce dell'azienda cinese ha negato categoricamente ogni tipo di protesta. «Tutte le notizie circa uno sciopero sono false. Non c’è stato nessuno stop nella linea produttiva dello stabilimento di Zhengzhou, o qualsiasi altra fabbrica, e il lavoro procede come da programma. Le indicazioni di rafforzare i controlli qualità sono arrivati direttamente da Apple, a seguito di numerosi reclami ricevuti dai clienti, e tutti gli operai hanno lavorato volontariamente nei giorni di festività, venendo pagati il triplo rispetto al normale». (sp)

Apple iPhone 5 e i suoi fratelli musicali

8 ottobre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us