Speciale
Domande e Risposte
Economia

Perché la Russia ha chiesto il pagamento del gas in rubli?

Vladimir Putin ha ordinato che le forniture di gas ai Paesi occidentali siano pagate in rubli e non in dollari come previsto dai contratti. A quale scopo?

Dopo l'articolo sul significato di default economico e sulle sue conseguenze per la Russia, ecco altre 3 domande e risposte sulla decisione che costringerebbe a pagare le forniture di gas russo in rubli, anziché in dollari o euro, come da contratto.

Che cosa ha deciso Putin. Il 23 marzo Vladimir Putin ha ordinato che i paesi considerati "ostili" alla Russia paghino le forniture di gas esclusivamente in rubli, anziché in dollari com'è previsto dai contratti in essere. Putin ha anche dato disposizioni alla Banca Centrale Russa di mettere a punto entro 7 giorni un nuovo processo che consenta di eseguire queste transazioni. 

Perché la Russia vuole che il gas sia pagato in rubli? 
Il primo e più importante motivo è quello di arginare la svalutazione della moneta russa rispetto al dollaro e all'euro, innescata dall'aggressione Russa in Ucraina e dalle sanzioni decise dai Paesi occidentali. Se il 24 febbraio, giorno dell'invasione, un euro valeva 75 rubli, il 7 marzo per un euro ci volevano 148 rubli. La decisione di Putin ha portato nel giro di poche ore a un apprezzamento del rublo, che nel pomeriggio del 23 marzo si attestava a 108 nei confronti dell'euro e 98 nei confronti del dollari (contro i 139 del 7 marzo).

Se i Paesi che acquistano rubli sono tanti, il valore del rublo cresce. Per pagare in rubli, infatti, i Paesi esteri devono acquistarli. Costringere i Paesi occidentali a pagare le forniture di gas in rubli permette quindi al Cremlino di sostenere la propria moneta. Putin sta dunque imponendo di sostenere la moneta russa agli stessi Paesi che l'hanno fatta crollare attraverso le sanzioni.

Questa mossa permette inoltre alla Russia di tenere alto il prezzo del gas e di mantenerne il controllo. Gas più caro significa maggiori profitti e quindi maggiori risorse per sostenere anche dal punto di vista economico gli altissimi costi dell'operazione militare in Ucraina. Dai primi riscontri sembra che Putin sia riuscito nel suo intento: nella giornata del 23 marzo, poche ore dopo l'annuncio, il prezzo del gas ha chiuso le contrattazioni con un aumento del 27% rispetto al giorno precedente. 

La Russia può modificare unilateralmente i contratti di fornitura?
Com'era logico attendersi, la decisione di Putin non è piaciuta ai Paesi occidentali, che hanno già attivato task force legali per capire fino a che punto la richiesta di Mosca debba essere considerata vincolante. I contratti di fornitura sono infatti denominati in dollari o in euro e secondo gli esperti forzare il pagamento in rubli rappresenterebbe una modifica delle clausole, oltre che un modo per aggirare le sanzioni.

24 marzo 2022 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us