Economia

Minorenni per produrre smartphone Samsung?

Impiegherebbe lavoratori minorenni in Cina

di
Samsung finisce al centro di uno scandalo legato allo sfruttamento di lavoratori minorenni. HTNS Shenzhen, fabbrica che assembla i prodotti mobile del colosso coreano - secondo China Labor Watch - utilizzerebbe manodopera al di sotto dei 16 anni.

"Alcune fabbriche sfrutterebbero bambini, costretti
a lavorare
14-15 ore in ambienti insalubri"

Vietato ai minori -

Carte false - Il problema reale, evidenziato nel rapporto di China Labor Watch, è legato alla falsificazione dei documenti. Le agenzie che si occupano di procacciare nuova manodopera per HTNS, infatti, non si fanno alcuno scrupolo nell’assumere ragazze e ragazzi al di sotto dei 16 anni di età e, per “aggirare” l’ostacolo legislativo, procurano loro documenti di identità falsi. «Alcune di queste agenzie, per i loro interessi economici, creano documenti falsi e HTNS non applica controlli severi». Ma non sarebbe questa l’unica infrazione legislativa perpetrata dal produttore cinese. I lavoratori, infatti, sarebbero costretti a lavorare tra le 14 e 15 ore al giorno in ambienti poco salutari.

Ricaduta - La caduta di stile di Samsung sarebbe, a dir la verità, una ricaduta. L’azienda sudcoreana, poco meno di un mese fa, infatti, aveva smentito le voci di un possibile impiego di manodopera fuorilegge nei “suoi” siti produttivi cinesi. L’indagine condotta in 105 fabbriche, secondo Samsung, aveva portato a un nulla di fatto: tutti i lavoratori impiegati nelle suddette fabbriche erano risultati essere maggiorenni e non c’era quindi nulla di irregolare. Certo, c’erano altre infrazioni come orari di lavoro mostruosi e condizioni lavorative pietose, ma queste problematiche sarebbero state risolte entro la fine di quest'anno. Samsung, al momento, non ha rilasciato alcuna dichiarazione sulla nuova segnalazione di China Labor Watch. (sp)

I venti lavori del futuro

18 dicembre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us