Economia

Lexmark dice addio alle stampanti inkjet

Dice addio alle stampanti inkjet e licenzia.

La crisi colpisce un’altra grande azienda? Sì. Lexmark ha deciso di decimare il suo personale per cercare di sistemare il bilancio, eliminando l’intero settore delle stampanti a getto d'inchiostro.

"Lexmark continuerà a produrre stampanti e multifunzione con tecnologia laser"
Una soluzione ovvia - Contando che non figurava nella classifica delle maggiori aziende produttrici di stampanti (dove invece trovi Hp, Epson e Canon), è facile capire il motivo che ha spinto Lexmark a decidere di abbandonare l’intero settore nel tentativo di risparmiare oltre 95 milioni di dollari l’anno. Tenuto conto anche che ormai la tecnologia laser domina stabilmente il mercato.

Verso direzioni diverse - Lexmark ha affermato di voler "raddrizzare" il proprio bilancio focalizzando le energie su prodotti in grado di garantirgli maggiori profitti e possibilità future come Perceptive Software - acquistata nel 2010 - che sviluppa programmi per la gestione di documenti, immagini e altra tipologia di file. E continuerà a produrre stampanti e multifunzione laser, soprattutto per il settore business. Un radicale cambiamento di rotta che partirà dal prossimo anno. Lexmark, inoltre, tenterà di vendere i suoi brevetti legati alla tecnologia inkjet. Peccato che l'addio alle stampanti a getto d'inchiostro significa anche dare l'addio a oltre 1.700 dipendenti.

Un mercato in bilico - Quello che è comprensibile è il momento di difficoltà che un’azienda come Lexmark sta passando per colpa del veloce mutare della tecnologia. Oggi i prezzi delle stampanti sono stati abbassati a livelli insostenibili. Con l’arrivo della tecnologia a laser inoltre, i vecchi modelli a inchiostro perdono ulteriormente il proprio valore; questo anche perché è il toner che contiene i colori a costare, ancora più che l’oggetto stesso.

Le 10 tecnologie che cambieranno il mondo

29 agosto 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us