Lenovo è il primo produttore di PC al mondo

Ottime performance del marchio sino-americano.

lenovo_243301

di 
Quando Lenovo rilevò il marchio ThinkPad da IBM nel 2005, molti erano pronti a scommettere su un immediato fallimento. Però, dopo qualche anno difficile, l'azienda cinese può ora vantare cifre incredibili e proporsi come perfetto esempio di integrazione sino-americana. Qual è il segreto del suo successo?

"Sogno che un giorno la Cina diventi centro mondiale per l’innovazione"
Azzardo - In pochi avrebbero scommesso su Lenovo. Anche il proverbiale penny bucato sarebbe stato un azzardo sin troppo elevato. Quando, nel 2005, la cinese Lenovo rilevò dall’americanissima IBM il marchio ThinkPad, e l’intero business dei PC, erano in pochi a credere che l’esperimento sino-americano sarebbe andato avanti per molto tempo. Anzi, come rivela una fonte interna, nei primissimi mesi di convivenza si era vicini a un “rigetto” totale del trapianto. Ora, con Lenovo leader mondiale del mercato PC - detiene una fetta del 16% delle vendite globali - sono molti quelli costretti a cospargersi il capo di cenere.

Proteggi e attacca - La strategia messa in atto per raggiungere, in circa 7 anni, un risultato così ragguardevole, è stata battezzata da Yang Yuanqing, attuale CEO di Lenovo, “Protect and attack”. E si basa su due principi molto semplici: proteggere i due mercati che permettono a Lenovo di “sopravvivere” - ovvero il mercato dei corporate PC e il mercato cinese - mettendo in pratica una politica aggressiva sui mercati emergenti. Così le quotazioni di Lenovo, dal 2009, sono tornate a salire. Nel 2012 il brand sino-americano ha venduto circa 15 milioni di computer con un margine operativo dei circa il 5%. Cifre che nessun altro marchio informatico può vantare.

Sino-centrica - Se si vuole trovare una pecca in questa nuova “età dell’oro” del marchio ThinkPad, sta nel suo essere estremamente sino-centrica. Circa il 45% delle entrate di Lenovo proviene dal mercato cinese e questo, magari, alla lunga potrebbe rivelarsi un problema. Ma al momento questa situazione offre moltissimi vantaggi alla società asiatica. L’iper-competitivo mercato cinese, per esempio, viene utilizzato come banco di prova per il lancio di nuovi prodotti e la politica di sviluppo adottata in Cina - fidelizzazione dei rivenditori e uno store ogni circa 50 km - viene pedissequamente ripetuto anche nei nuovi mercati nei quali Lenovo tenta di espandersi.

Risiko globale - È andata così in India, dove Amar Babu, direttore della filiale indiana di Lenovo, ha applicato lo stesso schema sperimentato in Cina. E ora Lenovo sta conquistando ampie fette dell’immenso mercato informatico del subcontinente. Altrove, invece, Lenovo ha messo in campo pesanti investimenti per entrare nel mercato o rafforzare la sua posizione. In Giappone ha sviluppato una sinergia con NEC, in Germania ha acquisito Medion per raddoppiare il proprio volume di vendite; in Brasile ha fatto sua CCE, primo brand del Paese carioca. E Lenovo, dovunque pianti la sua bandierina, apre nuovi stabilimenti, come sta accadendo negli USA.

Lungo periodo - Yang Yuanqing, quando si insediò nel 2009, chiese agli investitori di pazientare, perché ben presto i 226 milioni di dollari di perdite si sarebbero trasformati in guadagni. E così è stato. Nel 2009 le entrate di Lenovo si assestarono attorno ai 15 miliardi di dollari e a fine 2012 questa cifra è raddoppiata. Lenovo, sempre nel 2009, vantava il 7% del mercato globale dei computer, mentre ora il suo market share è del 17%. E anche le cose all’interno dell'azienda sono migliorate. Dal pericolo di rigetto totale si è passati a una sinergia quasi perfetta tra l’anima statunitense e il corpo cinese. Lenovo può contare su due sedi operative - una in Cina e un’altra in North Carolina. Yang ha preso armi, bagagi e famiglia e si è trasferito negli States e buona parte del board direttivo è composto da membri non cinesi. (sp)

Lenovo IdeaCentre Horizon Tour



14 Gennaio 2013
Più letti di Comportamento
Perché stiamo insieme?
Più CONDIVISI di Comportamento
Perché stiamo insieme?