Le città più costose al mondo

Londra? Parigi? New York? Ecco la classifica delle città dove il costo della vita è più alto. Le sorprese non mancano, a partire dalla prima posizione.

1_luanda_cor_42-464820492_hong-kong_cor_aacr0011333_zurigo_cor_42-179766004_singapore_cor_42-683657225_ginevra_cor_42-3258839311_tokyo_cor_42-2525852412_londra_cor_42-3449645016_new-york_cor_42-7271858018_tel-aviv_cor_42-7379967919_buenos-aires_cor_42-1797673253_milano_cor_42-3615888559_roma_cor_42-74692511Approfondimenti
1_luanda_cor_42-46482049

1. Luanda - Angola
Alla domanda «Qual è la città più cara del mondo?» verrebbe da rispondere Tokyo o Londra o New York, con le loro iperboliche storie di prezzi impossibili. E invece sono solo rispettivamente 11a, 12a e 16a nella classifica realizzata dalla società di consulenze finanziarie Mercer, e riferita al costo della vita per i dipendenti che lavorano all'estero (non si tratta quindi valori "assoluti" o relativi al turismo). La ricerca ha classificato 207 città (qui la lista completa) in base a quanto i lavoratori espatriati spendono per un paniere di duecento prodotti e servizi. Luanda, capitale dell'Angola, è finita la primo posto. La città attira numerosi operatori di multinazionali del petrolio che si ritrovano a pagare cifre esorbitanti per i beni "occidentali": 240 dollari per un paio di jeans, 19 per un pasto al fast food.

2_hong-kong_cor_aacr001133

2. Hong Kong - Cina
Nelle prime posizioni dominano alcuni dei principali centri finanziari del mondo. Al di là di Hong Kong, che gode di uno statuto speciale che la rende un caso particolare in Cina, la prima città della Repubblica Popolare in classifica è Shanghai, al sesto posto.

3_zurigo_cor_42-17976600

3. Zurigo - Svizzera
Lo stato elvetico piazza tre città nelle prime dieci posizioni: Zurigo, Ginevra (quinta) e Berna (nona).

4_singapore_cor_42-68365722

4. Singapore
La città-stato asiatica è stabilmente nelle primissime posizioni della lista, anno dopo anno.

5_ginevra_cor_42-32588393

5. Ginevra - Svizzera
La classifica prosegue così: Shanghai, Cina (6° posto); Perchino, Cina (7° posto); Seoul, Corea del Sud (8° posto); Berna, Svizzera (9° posto); N'Djamena, Ciad (10° posto). E all'11° posto...

11_tokyo_cor_42-25258524

11. Tokyo - Giappone
Metropoli da 13 milioni di abitanti, centro economico fra i più importanti del mondo, la capitale giapponese è "solo" undicesima.

12_londra_cor_42-34496450

12. Londra - Regno Unito
Al di là di quelle svizzere, Londra è la prima in classifica fra le città europee. La classifica prosegue così: Kinshasa, Congo (13° posto); Shenzhen, Cina (14° posto); Guangzhou, Cina (15° posto).

16_new-york_cor_42-72718580

16. New York - Stati Uniti
La più costosa delle città americane; Mercer l'ha utilizzata nel suo studio come punto di riferimento a cui rapportare i prezzi.

18_tel-aviv_cor_42-73799679

18. Tel Aviv - Israele
In Medio Oriente la città israeliana stacca anche Dubai, che si trova in 23a posizione.

19_buenos-aires_cor_42-17976732

19. Buenos Aires - Argentina
Nonostante la situazione economica traballante del paese, la capitale argentina è la città più cara del Sud America; nel 2014 era 88a.

53_milano_cor_42-36158885

53. Milano
Nelle 207 città della lista sono presenti solo due italiane. La prima è Milano, che scende dalla trentesima posizione.

59_roma_cor_42-74692511

59. Roma
L'Urbe segue a breve distanza; nel 2014 era 31a.

1. Luanda - Angola
Alla domanda «Qual è la città più cara del mondo?» verrebbe da rispondere Tokyo o Londra o New York, con le loro iperboliche storie di prezzi impossibili. E invece sono solo rispettivamente 11a, 12a e 16a nella classifica realizzata dalla società di consulenze finanziarie Mercer, e riferita al costo della vita per i dipendenti che lavorano all'estero (non si tratta quindi valori "assoluti" o relativi al turismo). La ricerca ha classificato 207 città (qui la lista completa) in base a quanto i lavoratori espatriati spendono per un paniere di duecento prodotti e servizi. Luanda, capitale dell'Angola, è finita la primo posto. La città attira numerosi operatori di multinazionali del petrolio che si ritrovano a pagare cifre esorbitanti per i beni "occidentali": 240 dollari per un paio di jeans, 19 per un pasto al fast food.