Acquacoltura: il pesce di allevamento vai allo speciale

Il pesce: che cosa deve essere scritto sulle etichette

Mercato rionale, pescivendolo, supermercato: tutti devono esporre precise etichette sui prodotti ittici. Ecco le novità introdotte a partire da dicembre 2014.

_banco-pesce-1
Banco del pesce di un mercato comunale: nessuna indicazione di provenienza è esposta.

La legge prevede che sui prodotti ittici confezionati e sfusi debbano comparire tre indicazioni, spiega a Focus.it l'alimentarista Emanuela Bianchi, di Altroconsumo.

  • la denominazione della specie ittica in italiano (per esempio, tonno);
  • il metodo di produzione (pescato o allevato);
  • la provenienza: la nazione per il prodotto allevato, altrimenti il luogo di pesca.

 

Queste regole valgono per pesci, molluschi e crostacei freschi o congelati, interi o lavorati (trasformati in trance e filetti), ma non per piatti pronti e prodotti inscatolati - per esempio il tonno in scatola.

 

Mercato ittico all'ingrosso di Trapani: una buona etichetta.

«Su questo tema l'ultima inchiesta di Altroconsumo è del 2011 e aveva mostrato che le etichette sono spesso incomplete nei mercati rionali e dai pescivendoli, più di rado nei supermercati», afferma Bianchi. Nella maggior parte dei casi le omissioni riguardavano il luogo di provenienza e la specifica allevato/pescato.

 

NOMI INCOMPLETI. Inoltre non sempre il venditore riporta il nome completo della specie venduta, ricavabile dall'elenco stabilito da un decreto legge ad hoc. «Per esempio, la dicitura "tonno"», prosegue, «può riferirsi solo al tipo rosso, altrimenti si dovrebbe specificare pinna gialla, atlantico eccetera. Se un polpo viene dal Messico deve essere aggiunto al nome "messicano": polpo da solo non basta.» Emblematico il caso del persico del Nilo (Lates niloticus), qualche anno fa venduto tout-court come persico.

 

Dietro ai consumi di carne di squalo si nascondono anche frodi commerciali, che fanno passare tranci di smeriglio (Lamna nasus), uno squalo del valore di 2 euro al kg, per tranci di pesce spada (Xiphias gladius), che al pubblico può arrivare a 20-25 euro al kg.
| ilgiornaledeimarinai.it

SOSTITUZIONI. Le frodi rilevate più frequenti? Smeriglio venduto per palombo, pangasio per cernia, eglefino per merluzzo. «Ma non sempre il venditore è responsabile, la frode potrebbe essere dovuta al fornitore», precisa Emanuela Bianchi. In questi casi il consumatore raramente ha modo di difendersi: è difficile risalire la filiera, ma anche riconoscere un filetto da una trancia e persino un pesce decongelato da uno fresco. Non resta che la fiducia nei confronti del venditore.

Per il pesce servito nei ristoranti non vale l'obbligo di indicare la provenienza.

Per venire incontro ai consumatori che attraverso le associazioni chiedono informazioni più dettagliate, l'Unione Europea dispone nuove regole in vigore dal 13 dicembre 2014. In etichetta dovranno comparire:

  • il nome commerciale e quello scientifico del pesce (può evitare alcune frodi, come spacciare un pesce per un altro dal nome simile)
  • l'indicazione precisa del luogo di pesca
  • gli attrezzi usati per la cattura
  • l'eventuale scongelamento

Rimane immutata l'attuale dicitura del metodo di produzione (pescato in mare, in acque dolci o allevato).

 

Pesca: la mappa delle zone Fao.

Attualmente le etichette prevedono l'indicazione del Paese membro o del Paese terzo di origine per i prodotti pescati in acque dolci e per quelli di allevamento. Per il pescato, invece, l'indicazione è in codice, con la facoltà di indicare la zona di cattura con più precisione (per esempio: Mar Tirreno, Zona FAO n. 37). Ecco le corrispondenze (in grassetto la parte obbligatoria):

 

Zona FAO n. 21, oceano Atlantico nord-occidentale

Zona FAO n. 27; 27.III.d, oceano Atlantico nord-orientale e mar Baltico

Zona FAO n. 31, oceano Atlantico centro-occidentale

Zona FAO n. 34, oceano Atlantico centro-orientale

Zona FAO n. 41, oceano Atlantico sud-occidentale

Zona FAO n. 47, oceano Atlantico sud-orientale

Zona FAO n. 37.1; 37.2; 37.3; 37.4, mar Mediterraneo e mar Nero

Zona FAO n. 51; 57, oceano Indiano

Zona FAO n. 61; 67; 71; 77; 81; 87, oceano Pacifico

Zona FAO n. 48; 58; 88, oceano Antartico

 


ETICHETTE - VEDI ANCHE:

 

16 Ottobre 2014 | Giuliana Lomazzi