Economia

Tra tutti i diritti umani quelli dei lavoratori sono tra i più calpestati al mondo

I governi tutelano sempre meno i diritti di base che consentono l'accesso a condizioni di lavoro dignitose: senza questi paletti non c'è equilibrio.

I diritti dei lavoratori sono alcuni dei diritti umani meno protetti al mondo: a dirlo è l'ultimo rapporto del CIRIGHTS Data Project, la più grande raccolta dati sui diritti umani al mondo, che dal 1981, ogni anno, valuta il livello di rispetto di 25 diritti universalmente riconosciuti da parte dei governi di 195 Paesi. L'iniziativa è co-diretta da David Cingranelli, Professore di Scienze Politiche dell'Università di Binghamton (New York).

Dove va (un po') meglio. L'analisi pubblicata sulla rivista Human Rights Quarterly, ha trovato che Canada, Svezia, Nuova Zelanda, Norvegia e Portogallo sono i cinque Paesi in cui i diritti dei lavoratori sono più tutelati, mentre Iran, Siria, Corea del Nord, Cina e Iraq quelli in cui sono più spesso violati. Ma al di là delle differenze geografiche, è importante notare che i diritti essenziali di chi lavora, incluso quello a riunirsi in sindacati e a negoziare collettivamente, «sono sempre violati in una certa misura», scrivono i ricercatori.

Proteggere le basi. «Precedenti ricerche mostrano che è improbabile che i governi proteggano i diritti a un salario minimo adeguato, alla salute e alla sicurezza sul lavoro o a limitazioni ragionevoli sull'orario di lavoro (compreso il lavoro straordinario volontario) a meno che non consentano ai lavoratori di formare sindacati indipendenti e di contrattare collettivamente», spiega Cingranelli. «In altre parole, il diritto sindacale, di contrattazione e allo sciopero sono diritti "di passaggio, o accesso" (gateway rights). Se vengono tutelati, è probabile che anche tutti gli altri diritti dei lavoratori lo siano. Ma a livello globale, i diritti di accesso sono in declino».

Dalla parte dei più forti. Anche se in genere i Paesi caratterizzati da economie avanzate tendono a tutelare maggiormente i diritti dei lavoratori, le disuguaglianze economiche sono aumentate un po' dappertutto, e la globalizzazione ha accresciuto la competizione economica tra nazioni. Come risultato, i governi fanno il possibile per ingraziarsi il favore delle grandi compagnie industriali a scapito dei diritti dei lavoratori, quando le istanze di queste due parti si trovano in conflitto.

La voce della politica. Nei Paesi economicamente meno sviluppati, le grandi compagnie agricole, petrolifere e minerarie riescono ancora a ottenere ciò che vogliono prevaricando i lavoratori, come è accaduto in Paesi come gli Stati Uniti nelle prime fasi dell'Era industriale. «E i leader aziendali in genere preferiscono distribuire la maggior parte dei profitti derivanti dalle loro attività agli azionisti, non ai lavoratori», precisa Cingranelli.

Compito dei governi è fare in modo che la voce dei lavoratori venga ascoltata.

11 maggio 2024 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us