Economia

Felici e poco concentrati sul lavoro

Si pensa che quando si è di buonumore si lavori meglio. Ma forse non è sempre così. Dipende. Secondo una ricerca canadese, talvolta, l’umore nero aiuta la concentrazione necessaria a svolgere...

Felici e poco concentrati sul lavoro
Si pensa che quando si è di buonumore si lavora meglio. Ma forse non è sempre così. Dipende. Secondo una ricerca canadese, talvolta, l’umore nero aiuta la concentrazione necessaria a svolgere alcuni compiti.

Che umore ci sarà in questa cabina di guida del treno?

Capoufficio di tutto il mondo attenti! Se i vostri dipendenti fischiettano mentre lavorano, probabilmente sarà una giornata poco produttiva. Secondo una nuova ricerca canadese, infatti, quando si è di buonumore siamo meno attenti e alcuni compiti riescono meglio quando si ha la “luna storta”.

Musoni da laboratorio
I ricercatori lo hanno scoperto sottoponendo una ventina di studenti ad alcuni test sulle parole, dopo che avevano ascoltato diversi brani di musica, alcuni allegri e altri tristi o neutri.
Nella prima prova, i volontari dovevano pensare a una serie di parole inusuali. E coloro che avevano ascoltato musica divertente – e che a detta loro erano di buonumore – se la sono cavata molto meglio degli altri, ricordando molte più parole. Ma quando, nel secondo test, è stato chiesto loro di indicare una lettera che stava in mezzo ad altre due, quelli che avevano sentito poco prima la musica triste, si sono mostrati molto più attenti e capaci dei felici, i quali nel 40 per cento dei casi confondevano le lettere.

Scontenti e precisi
La studio, che per essere verificato dovrà essere condotto al di fuori dai laboratori, in condizioni normali e quotidiane, potrebbe significare che chi non è particolarmente allegro, riesce a focalizzarsi meglio e a porre maggiore attenzione a quello che ha di fronte rispetto a chi è, invece, di buonumore. In altre parole l’allegria è positiva per tutti i compiti creativi, ma ci distrae per quelli di precisione.

Il raggio dell’attenzione
Quando si è di buonumore, infatti, probabilmente tendiamo a vedere le cose nella loro totalità, mentre viceversa il cattivo umore aiuta a concentrarsi meglio su una cosa per volta. «L’attenzione può essere paragonata a un raggio di luce – dice Adam Anderson dell’università di Toronto, che ha guidato la ricerca – il buonumore ne allarga il raggio, facendo vedere molte più cose di quelle che potremmo vedere in altre circostanze e in alcuni casi porta a una maggiore distrazione».

(Notizia aggiornata al 20 dicembre 2006)

20 dicembre 2006
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us