Economia

Come verrà liberato il Canale di Suez dalla nave incagliata?

Il cargo Ever Given, uno dei più grandi al mondo, è incagliato da giorni nel Canale di Suez e sta bloccando gran parte del commercio mondiale. Date le sue dimensioni, spostarlo da lì sarà una faccenda complessa.

400 metri di lunghezza, 59 di larghezza, 200.000 tonnellate di peso e un carico di 20.000 container. Sono le impressionanti dimensioni del problema che i migliori esperti navali al mondo stanno cercando di risolvere dallo scorso 23 marzo, quando il cargo panamense Ever Given, uno dei più grandi mai costruiti, si è intraversato nel Canale di Suez incagliandosi in un banco di sabbia.
 
Il Canale di Suez, che collega il Mar Rosso al Mar Mediterraneo, è una delle rotte commerciali più battute al mondo: vi transitano oltre 20.000 navi ogni anno. Ma un incidente del genere non si era ancora mai verificato.
 
Come in tangenziale. Dallo scorso martedì il canale risulta completamente bloccato e ai suoi estremi si sono creati i due ingorghi marittimi più grandi della storia, con oltre 200 navi bloccate.

Progettato dall'ingegnere trentino Luigi Negrelli, il Canale di Suez è stato Inaugurato nel 1869 e da allora è una delle arterie commerciali più importanti del pianeta: si stima che vi transiti il 12% del commercio mondiale, soprattutto grano e petrolio. Secondo Bloomberg ogni giorno di blocco del canale causa danni per oltre 9 miliardi di dollari.
 
Le cause dell'incidente non sono ancora chiare: ai comandi della nave c'erano due piloti del Canale di Suez, marinai esperti, che conoscono bene quel corridoio d'acqua e sono abituati a farvi transitare queste grandi navi con perizia e precisione. Dalle prime ricostruzioni sembra che la Ever Given - che sulle fiancate riporta a caratteri cubitali il nome della società armatrice, Evergreen, sempreverde - sia stata investita da una tempesta di vento e sabbia che l'ha fatta girare e l'ha spinta ad incagliarsi, con la prua affondata nella sabbia di una delle sponde.

La posizione della Ever Given, incagliata nel canale di Suez.
La posizione della Ever Given, incagliata nel canale di Suez. © vessel finder

Ci hanno provato. Levarla da lì non sarà una passeggiata, ci potranno volere giorni o addirittura settimane. I primi tentativi di traino con 5 dei più grossi rimorchiatori disponibili sono stati vani: la grande nave si è spostata di pochissimo. E anche le ruspe, che stanno scavando incessamente sotto la l'imbarcazione, sembrano del tutto impotenti.
 
Giovedì l'autorità egiziana che governa il Canale e l'armatore della Ever Given hanno ingaggiato i super esperti di SMIT Salvage, azienda olandese di recuperi navali specializzata in missioni impossibili: dall'evacuazione e traino di grandi cargo durante le tempeste peggiori della storia al recupero del sottomarino nucleare russo Kursk affondato nel 2000, fino allo svuotamento, nel 2012, dei serbatoi della Concordia arenata all'Isola del Giglio.

La Ever Given in una foto d'archivio. Può trasportare fino a 20.000 container.
La Ever Given in una foto d'archivio. Può trasportare fino a 20.000 container. © Wikimedia Commons

Supereroi del mare. Gli esperti della SMIT stanno analizzando la situazione per capire con precisione di quanto la chiglia del cargo è affondata nella sabbia. E poi cercheranno di alleggerirla. Per prima cosa svuoteranno i serbatoi contenenti l'acqua di zavorra e quelli del carburante. E se ancora non bastasse dovranno trovare il modo per scaricare almeno parte dei 20.000 container attualmente a bordo del cargo. Quest'ultima operazione potrebbe essere particolarmente complessa e potrebbe richiedere l'impiego di grossi elicotteri da trasporto.

L'enorme ingorgo navale creato dall'incagliamento del cargo Ever Given, visto dal satellite.
L'enorme ingorgo navale creato dall'incagliamento del cargo Ever Given, visto dal satellite. © Vessel Finder

Caro petrolio. Nel frattempo alcune compagnie, poco fiduciose nella rapida risoluzione del problema, hanno ordinato alle loro navi di proseguire la rotta circumnavigando l'Africa. Tra le prime conseguenze economiche del blocco del canale si registra un aumento del prezzo del greggio, che tra mercoledì e giovedì è aumentato quasi del 6%.

26 marzo 2021 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Napoleone tenne in scacco tutte le monarchie d'Europa. Poi, a Waterloo, la resa dei conti. Chi erano i nemici dell'imperatore dei francesi? Come formarono le alleanze e le coalizioni per arginarlo? E perché tutti temevano la Grande Armée? Su questo numero, la caduta di Napoleone raccontata attraverso i protagonisti che l'hanno orchestrata.

ABBONATI A 29,90€

Miliardi di microrganismi che popolano il nostro corpo influenzano la nostra salute. Ecco perché ci conviene trattarli bene. E ancora: come la scienza affronta la minaccia delle varianti di CoVID-19, e perché, da sempre, l'uomo punta al potere. Inoltre, in occasione del 20° anniversario della sua seconda missione in orbita, l’astronauta italiano Umberto Guidoni racconta la sua meravigliosa odissea nello spazio.

ABBONATI A 29,90€

Vi siete mai chiesti quante persone stanno facendo l'amore in questo momento nel mondo? O quante tradiscono? E ancora: Esistono giraffe nane? Cosa sono davvero le "scie chimiche" degli aerei? E quanto ci mette il cibo ad attraversare il nostro copo? Queste e tante altre domande & risposte, sempre curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R, in edicola tutti i mesi. 

ABBONATI A 29,90€
Follow us