Economia

Cina: un anno di carcere ai ladri di iPad 2

Al fresco per le foto rubate del tablet.

La notizia arriva dall'Estremo Oriente e rimbalza sul Web: tre cinesi sono stati condannati per lo spionaggio industriale sull'iPad 2, per favorire i produttori di cover.

“Il general manager di MacTop si è beccato 18 mesi di prigione e un'ammenda di 150,000 yuan”

Tribunale del popolo - La corte ha sentenziato che i tre accusati sono colpevoli di aver rubato presso la Foxconn le informazioni sul nuovo gioiellino di Apple, prima che fosse svelato al pubblico. Secondo il Wall Street Journal un tribunale popolare ha decretato che il general manager di MacTop Electronics Company ha illegalmente offerto a un dipendente della Foxconn 20,000 yuan, circa 2500 euro, più uno sconto sui suoi prodotti, per ricevere informazioni sul nuovo iPad 2 durante lo scorso mese di settembre.

Corrotti e contenti - Come se non bastasse, il dipendente della Foxconn ha messo nella società a delinquere anche un altro suo collega, che lavorava nel dipartimento “Research and Development”, che si è fatto corrompere per ritrarre delle immagini dell' iPad 2.

Corsa alla cover - Il motivo è semplice: i costruttori di cover e accessori lottano assiduamente con la concorrenza, ma se hanno già pronti i loro prodotti al momento dell'uscita del nuovo device alla moda, possiedono una “killer application”. Per progettare e produrre le cover le aziende, spesso proprio cinesi, necessitano in anteprima le esatte misure del modello, molto tempo prima della sua uscita nei negozi.

Condanne esemplari - Il general manager di MacTop si è beccato 18 mesi di prigione e un'ammenda di 150,000 yuan, i due dipendenti della Foxconn 14 e 13 mesi, più un'ammenda di 100,000 e 30,000 yuan. (gt)Niccolò Fantini

16 giugno 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us