Economia

Alloggi, scuole, negozi per 500.000 persone, ma non ci abita nessuno

La Cina costruisce per i cinesi intere città in Angola e altri Paesi africani, con servizi e infrastrutture. E invita i cinesi ad andarci con il concorso "Una sola Cina in Africa"...

Le ricchezze cinesi si sono dirette in Africa. Un fiume di denaro è finito in Angola, dove alla periferia di Luanda gli angolani hanno visto crescere un'intera città, Nova Cidade de Kalimba, in cui però non possono abitare, forse anche per il costo delle case: il prezzo di un appartamento si aggira intorno ai 90 mila euro. Una cifra esorbitante per chi a malapena mette insieme un euro al giorno.

Nova Cidade è il frutto di un accordo tra il governo di Pechino e quello angolano ed è stata realizzata dalla società cinese statale Citic in cambio delle concessioni petrolifere angolane alla Cina. Composta da circa 750 edifici di otto piani, una dozzina di scuole e un centinaio di negozi, dovrebbe accogliere 500 mila persone - ma per adesso non ci abita nessuno: è una città popolata da fantasmi.

È costata circa 3 miliardi di euro, che sono solo una piccola parte dei capitali cinesi in Africa, ma gli analisti finanziari non pensano sia stato un errore di valutazione.

Questa città nuova di zecca e le altre programmate in Nigeria, Ciad, Sudan, Zambia e altrove in Africa, potrebbero invece essere il preludio a un'emigrazione di massa di lavoratori cinesi, studiata a tavolino. Come suggerisce, anche, il titolo del "concorso" lanciato dal governo di Pechino ai suoi cittadini per invitarli a lasciare il Paese: "Una sola Cina in Africa".

3 settembre 2015 Sabina Berra
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us