Economia

Ballmer ammette: Windows Phone 7 non decolla

Ballmer annuncia una partnership con Nokia.

Windows Phone 7 non ha dei numeri di vendita entusiasmanti: solo una minuscola parte del mercato dell’enorme business mobile. E Steve Ballmer è costretto ad ammetterlo.

“Le dichiarazioni durante una conferenza: Windows Phone 7 non va”

Non contenti in Microsoft - Windows Phone 7, la piattaforma per dispositivi mobili del colosso Microsoft, a distanza di mesi dal suo debutto mondiale non ha ancora cifre degne di tale nome: i dati di vendita non sono ancora stati rivelati, ma anche il celebre Ballmer non ha potuto fare a meno di segnalare in pubblico che i numeri non sono proprio confortanti.

Durante una conferenza - La notizia arriva dalla Microsoft World Wide Partner Conference, dove Steve Ballmer ha dichiarato che il sistema operativo per il mercato mobile, in salsa Windows, non ha raggiunto i quantitativi di smartphone e dispositivi mobili desiderati, come ha fatto invece la concorrenza di iOS e Android. Il sistema operativo di casa Microsoft avrebbe infatti una quota minima del mercato, appena l’1%.

Va meglio coi computer – Anche se sono 400 milioni le licenze vendute per Windows 7 e 100 milioni le licenze del nuovo Office 10, il capo dei capi ha prospettato le dimensioni del boccone di business mobile che è riuscita ad agguantare la Microsoft: “con Windows Phone 7 in un anno siamo passati da molto piccolo a… molto piccolo”.

In futuro sarà meglio - Il CEO di Microsoft ha comunque prospettato un miglioramento nel prossimo futuro, anche grazie alla partnership con Nokia: il primo dispositivo realizzato in collaborazione dovrebbe già arrivare entro la fine dell’anno. (pp)

Niccolò Fantini

12 luglio 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us