Economia

La Russia resta a Baikonur

Un nuovo accordo con la Repubblica del Kazakistan lascia alla Russia la gestione del cosmodromo fino al 2050.

Alla vigilia della scadenza della concessione del cosmodromo, Russia e Kazakistan rinnovano l'accordo che lascia alla Russia la gestione del più importante spazioporto della Terra.

La storia che sta dietro a questo nuovo, storico accordo non è delle più semplici: meno di un anno dopo l'evento che in breve condusse alla "riunificazione delle due Germanie" (la Caduta del Muro di Berlino, il 9 novembre 1989), a 4.000 km di distanza il parlamento della Repubblica Socialista Sovietica Kazaka proclamava l'indipendenza dall'URSS, l'Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche, e diventava la Repubblica del Kazakistan.

baikonur, propaganda sovietica
Corsa allo Spazio: un manifesto della propaganda sovietica.

Nel corso dell'anno successivo si sfaldava definitivamente l'URSS ed emergeva una nuova entità politica, la Federazione Russa (o semplicemente "Russia"), dai confini non proprio chiari, considerato il desiderio di indipendenza di molti territori ex-URSS.

Per il Kazakistan è stato un periodo esplosivo, ma sul fronte esterno riuscì a mantenere buoni rapporti con la nuova Russia, suo quasi-unico partner commerciale. In Kazakistan la Russia aveva (e ha) diversi interessi, tra i quali il cosmodromo, Baikonur, è forse il più importante: è uno dei simboli storici della Corsa allo Spazio (da qui partì Jurij Gagarin, il primo uomo a volare nello Spazio, nel 1961) e, oggi, è una "certezza" per molte missioni in orbita. A tutt'oggi è infatti l'unico luogo al mondo da cui partono gli astronauti diretti alla Stazione Spaziale Internazionale, di qualunque nazionalità siano.

baikonur, gagarin
Una stampa celebrativa dell'impresa di Gagarin.

È dunque facile comprendere quanto la Russia tenga a mantenere il controllo del cosmodromo, gestito in parte dall'Agenzia spaziale Roscosmos e in parte dall'Aeronautica militare russa.

Il nuovo accordo tra i due Paesi congela la situazione fino al 2050. Il giorno dopo la firma (nei giorni scorsi a San Pietroburgo) il Primo Ministro russo ha dichiarato che sono già 15 i lanci pianificati da Baikonur per il 2017, mentre, con un curioso scambio di ruoli, gli faceva eco Andrei Ionin, della Russian Academy of Cosmonautics, che ha affermato che nei piani di Mosca ci sono obiettivi economici e geopolitici per i quali è pronta a pagare. Non ci sono indiscrezioni sul valore della concessione per l'economia (o l'autonomia) del Kazakistan.

12 gennaio 2017 Raymond Zreick
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Napoleone tenne in scacco tutte le monarchie d'Europa. Poi, a Waterloo, la resa dei conti. Chi erano i nemici dell'imperatore dei francesi? Come formarono le alleanze e le coalizioni per arginarlo? E perché tutti temevano la Grande Armée? Su questo numero, la caduta di Napoleone raccontata attraverso i protagonisti che l'hanno orchestrata.

ABBONATI A 29,90€

Miliardi di microrganismi che popolano il nostro corpo influenzano la nostra salute. Ecco perché ci conviene trattarli bene. E ancora: come la scienza affronta la minaccia delle varianti di CoVID-19, e perché, da sempre, l'uomo punta al potere. Inoltre, in occasione del 20° anniversario della sua seconda missione in orbita, l’astronauta italiano Umberto Guidoni racconta la sua meravigliosa odissea nello spazio.

ABBONATI A 29,90€

Vi siete mai chiesti quante persone stanno facendo l'amore in questo momento nel mondo? O quante tradiscono? E ancora: Esistono giraffe nane? Cosa sono davvero le "scie chimiche" degli aerei? E quanto ci mette il cibo ad attraversare il nostro copo? Queste e tante altre domande & risposte, sempre curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R, in edicola tutti i mesi. 

ABBONATI A 29,90€
Follow us