Economia

Apple torna a produrre gli iMac negli Stati Uniti

Nuovo impianto produttivo in cantiere

di
Apple ri-sbarca negli States. Il CEO Tim Cook ha annunciato un piano di investimenti da 100 milioni di dollari per portare nuovamente negli Stati Uniti la produzione di alcuni prodotti del colosso di Cupertino. L'operazione porterebbe alla creazione di 200 posti di lavoro.

"Abbiamo la responsabilità di creare dei posti di lavoro"

Tempi moderni

parte della produzione attualmente nelle mani di alcuni Paesi asiatici

Mossa storica - Una scelta storica, se si pensa che Apple ha dismesso gran parte dei suoi impianti produttivi negli Stati Uniti verso la metà degli anni ’90 e che proprio Tim Cook si era occupato della creazione del network produttivo in Asia. Sarà inizialmente la produzione degli iMac a essere riportata in "patria", ma i cui costi di produzione incidono solamente tra il 4 e 5% sul prezzo finale. L’investimento previsto permetterà di creare circa 200 posti di lavoro, per un carico produttivo di circa di un milione di pezzi all'anno.

In coda - Apple, comunque, non è la prima azienda statunitense che ripercorre all’indietro il tragitto fatto qualche anno fa verso l’Asia. Hewlett-Packard, per esempio, produce gran parte dei suoi 50 milioni di personal computer nei siti di Indianapolis e Tokio. Ma la stessa mossa è stata annunciata anche da Lenovo lo scorso ottobre. Questi “viaggi di ritorno” dall’Asia verso gli USA ha una doppia motivazione: i costi di produzione in Cina iniziano a non essere più competitivi come erano 10 o 15 anni fa e produrre in loco permette di ridurre i tempi di consegna al cliente finale. Con immensa felicità di quest’ultimo. (sp)

Gli Apple Store più suggestivi del mondo

10 dicembre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us