Economia

Apple ha fatto bene a licenziare Scott Forstall?

Apple ha fatto bene secondo il papà dell'iPod.

di
Sì! Parola di Tony Fadell, ossia del "papà" dell'iPod. La scelta di Apple di liberarsi di Scott Forstall - ex capo dello sviluppo di iOS - è stata tutt’altro che avventata, ma il risultato di un rapporto molto travagliato.

"A Cupertino c’era gente che brindava quando è stato cacciato"

Giusta causa

Apple, più o meno un mese fa, annunciò che a partire dal 31 dicembre di quest’anno avrebbe fatto a meno dei servigi di Forstall, responsabile dello sviluppo di iOS e delle varie applicazioni sviluppate da Apple

Relazioni tempestose - Stando a quanto affermato da Tony Fadell, che nel 2010 salutò tutti per fondare una sua startup, i rapporti di Forstall all’interno di Apple erano tutto tranne che cordiali. «Ci sono state molte persone a Cupertino che, alla notizia del licenziamento di Forstall, hanno stappato la bottiglia e brindato alla sua dipartita». Insomma, le voci sul caratterino tutto pepe (per usare un eufemismo) del responsabile dello sviluppo del sistema operativo mobile di Apple, non erano del tutto infondate. «Credo che quello che è successo - afferma ancora Fadell - sia meritato e giustificato, per questo è accaduto».

Chiavi del successo - Tony Fadell dà anche un giudizio di merito sul successore di Scott Forstall alla guida del settore sviluppo iOS, ossia Jonathan Ive. Apple, secondo lui, ha fatto la miglior scelta possibile, ha messo uno dei suoi prodotti di punta in «in buone mani». Il "papà" dell'iPod spende ottime parole anche per il suo ex boss, Steve Jobs. « I nove anni passati in Apple al fianco di Jobs sono stati tra i migliori della mia vita professionale. A Cupertino ho imparato che il successo è molto più che fare ottimi prodotti. È curare ogni singolo aspetto della relazione tra il cliente e il brand, dall'acquisto del prodotto, al suo utilizzo e perfino all'unboxing». (sp)

La storia di Apple in 30 secondi

30 novembre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us