Economia

Apple denuncia Amazon, per uso improprio del nome "App store"

Battaglia legale per il nome “App Store”.

Apple ha intentato causa contro Amazon.com per impedire al famoso rivenditore online di usare impropriamente l’Apple App Store, che è un marchio registrato.

“Ancora battaglie legali in USA, per l’uso del marchio registrato dall’azienda di Cupertino”

Ancora diatribe sui nomi – Anche Jack ne aveva parlato, ma pare che in America le batteglie legali sull’uso dei nomi siano all’ordine del giorno: ora tocca ad Amazon. Secondo la causa intentata dal colosso di Cupertino in una corte federale della California la scorsa settimana, Amazon avrebbe imporpriamente usato il nome registrato “App Store”, che appartiene ad Apple, per accalappiare gli sviluppatori di software statunitensi.

Nome ad uso commerciale - Come è noto Apple ha registrato il marchio “App Store” in tutti gli Stati Uniti, azione per cui si era già opposta Microsoft. Ora Apple ha intentato una causa in piena regola: "Abbiamo chiesto ad Amazon di non copiare il nome “App Store” perché genererebbe confusione nei consumatori”, ha affermato lo scorso lunedì il portavoce di Apple Kristin Huguet.

Concorrenza sleale - Amazon.com non ha risposto ma, secondo la causa, starebbe usando illecitamente il marchio “App Store” in connessione a ciò che in realtà si chiama "Amazon Appstore Developer Portal", insieme ad altre istanze per pubblicità online di una versione del popolare gioco Angry Birds. Secondo Apple è concorrenza sleale e pertanto ha citato Amazon in giudizio presso la U.S. District Court nel distretto nord della California, dove si svolgerà il caso: Apple Inc v. Amazon.com Inc, 11-1327. (pp)Niccolò Fantini

I 10 segreti di Chatroulette. Guarda la gallery!

22 marzo 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us