Economia

Apple cerca la strada giusta per arrivare a Waze

La trattativa è ancora "a metà strada".

di
Apple, ancora scottata dal flop delle sue mappe, punta all’acquisizione di Waze per recuperare il terreno perso, nuovamente, nei confronti delle Google Maps. Ma la trattativa sembra tutt’altro che semplice…

"Tra richiesta e offerta ballano 250 milioni di dollari"

Ancora brucia

Apple non deve aver ancora del tutto somatizzato lo choc provocato dal flop delle Apple Maps

Tim Cook costretto a scusarsi pubblicamente

Scott Forstall licenziato per il fallimento della sua ultima creatura

lo sbarco sull’App Store delle Google Maps ha fatto ricadere nell’oblio le Apple Maps

GPS Social - Waze è un navigatore GPS social che ti permette di rimanere costantemente aggiornato sullo stato del traffico, sul costo della benzina e sui tragitti che i tuoi amici stanno seguendo. L’applicazione, infatti, consente all’utente di inserire varie informazioni e, in tempo reale, aggiorna anche gli altri utenti su come evolve lo stato del traffico. Per questo motivo Waze, nel giro di pochissimo tempo, ha conquistato milioni di fan in tutto il mondo. Rappresenterebbe, quindi, un’ottima panacea per curare i mali Apple causati dalla cartografia digitale.

Campagna acquisti - Apple, in questi ultimi mesi, sembra essere immersa in una vera e propria campagna acquisti per migliorare il proprio sistema di cartografia. Prima si vociferava di una possibile acquisizione di Foursquare nel giro di sei mesi, ora si parla portarsi a casa Waze. Ma sia la prima che la seconda trattativa sembrano essere tutt’altro che semplici. Sembra, infatti, che i vertici di Waze vogliano 750 milioni di dollari, mentre Tim Cook sarebbe pronto a sporsarne solo 400 più un bonus di altri 100 milioni. Chissà se riusciranno a “incontrarsi” a metà strada… (sp)

Non conosci ancora Waze? Eccolo!

4 gennaio 2013
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us