7 armi da guerra mai nate, ma costate tantissimo

Bombardieri, fucili, mini carri armati, aerei invisibili, cannoni laser: perché all'industria della guerra... non manca certo la fantasia.

f-35a_flight_croppedaltb-2fucileavengerexpeditionary_fighting_vehiclexb-70_02futurecombatsystemcomancheApprofondimenti
f-35a_flight_cropped

È stato stimato che annualmente, in tutto il mondo, più di un trilione e mezzo di dollari sono impiegati in spese militari (il 2,7% del PIL mondiale). Per l'esattezza nel 2015 sono stati 1.652 miliardi di dollari. Per avere un’idea nello specifico di quanto costino le armi, in questa gallery abbiamo raccolto 7 tecnologie di guerra mai entrate in produzione, ma il cui progetto è costato milioni, se non miliardi di euro. Una carrellata di armi... e fallimenti.

altb-2

Boeing Yal-1 airborne testbed laser Era un cannone laser montato sul naso di un Boeing 747-400F. Ve ne avevamo parlato nel 2010, dopo un promettente test. Avrebbe dovuto essere in grado di intercettare e distruggere i missili in volo, ma il programma venne tagliato nel 2011 perché il laser era poco potente. Furono dunque buttati via 16 anni di sviluppo e 5 miliardi di dollari di investimenti. Oggi l'unico esemplare esistente si può vedere nel "Boneyard", il "cimitero" degli aerei militari dell'United States Air Force.

fucile

OICW (Objective Individual Combat Weapon) Prototipo di un fucile in grado di colpire l'obiettivo anche se protetto da un riparo. Avrebbe potuto sparare un proiettile da 200 mm, programmato per esplodere a distanza e altitudine specifica. Di fatto sarebbe dovuto essere la combinazione di un fucile d'assalto e di un lancia-granate con munizioni di piccole dimensioniA non convincere fu il design: come si vede dalla foto, l’OICW è un fucile ingombrante e pesante. Dunque non se n'è fatto nulla, dopo aver speso circa… 100 milioni di dollari dal 1994 al 2005 quando il progetto venne accantonato dal DARPA.

avenger

A-12 Avenger Il progetto di questo bombardiere stealth (invisibile ai radar) fu cancellato nel 1991 dal segretario alla difesa Dick Cheney, visto che ogni singolo aereo sarebbe costato 165 milioni di dollari. Per darvi un'idea, un esemplare di F35, considerato l'aereo più caro del mondo, costa dai 99 ai 120 milioni di dollari.

expeditionary_fighting_vehicle

Expeditionary Fighting Vehicle (EFV) L’EFV era nato come veicolo di assalto anfibio sviluppato per i Marines degli Stati Uniti. Realizzarlo sarebbe dovuto costare 15 miliardi di dollari, ma il programma è stato cancellato nel 2011 dal segretario alla Difesa Robert Gates, dopo un costo totale di 3 miliardi di dollari. Motivo: i costi elevati e la consapevolezza che un tale veicolo negli scenari di guerra moderna potesse essere… meno utile del previsto.

xb-70_02

Il B70 Valkyrie. il riferimento Wagneriano alle valchirie non portò bene a questo bombardiere americano supersonico ritenuto “invulnerabile”, grazie alla sua capacità di operare sopra i 21.000 metri a una velocità superiore a Mach 3. L'invenzione di missili terra aria in grado di intercettarlo (SAM) lo rese obsoleto prima di essere messo in campo. Il progetto impegnò gli ingegneri militari americani dalla prima metà degli anni '50 al 1969, il periodo più cupo della Guerra Fredda, per poi essere abbandonato dopo due soli prototipi: uno esposto in un museo dell'aviazione a Dayton (Ohio), l’altro precipitato dopo una collisione con un F-104. Il costo del progetto? 1,5 miliardi di dollari dell’epoca (cioè più di 10 miliardi di dollari di oggi).

futurecombatsystem

Future Combat Systems La guerra in Afghanistan prima, e quella in Iraq poi, hanno convinto l'Esercito degli Stati Uniti a lanciare un programma di ammodernamento che prevedeva brigate più veloci con veicoli più piccoli in grado di essere inviati in guerra, con un preavviso molto breve. Il programma è stato chiamato Future Combat Systems, e avrebbe dovuto avere un costo totale di 340 miliardi di dollari se fosse stato attuato. Non è andata così e nel 2009 il programma è stato cancellato dal Governo di Barack Obama. Ma il Dipartimento della Difesa ha speso più di 18 miliardi di dollari per il suo sviluppo.

comanche

RAH-66 Comanche Un costosissimo elicottero “invisibile” ai radar mai acquisito dal Pentagono e cancellato nel 2004 per problemi di bilancio finanziario: costruito con materiali radar-assorbenti, aveva armi a scomparsa all’interno di apposite stive nella fusoliera e la cellula dei piloti era in grado di resistere anche a un attacco con armi chimiche. Dalle prime fasi del progetto, nel 1991, fino alla sua cancellazione, nel 2004, l'esercito ha speso circa 6,9 miliardi di dollari. Va detto, che molte delle tecnologie messe a punto per il Comanche potrebbero essere state utilizzate per la produzione di altri velivoli e armamenti da guerra.

È stato stimato che annualmente, in tutto il mondo, più di un trilione e mezzo di dollari sono impiegati in spese militari (il 2,7% del PIL mondiale). Per l'esattezza nel 2015 sono stati 1.652 miliardi di dollari. Per avere un’idea nello specifico di quanto costino le armi, in questa gallery abbiamo raccolto 7 tecnologie di guerra mai entrate in produzione, ma il cui progetto è costato milioni, se non miliardi di euro. Una carrellata di armi... e fallimenti.